Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Patti, scoperti nove furbetti del reddito di cittadinanza. Diversi erano sottoposti a misure cautelari

Patti, scoperti nove furbetti del reddito di cittadinanza. Diversi erano sottoposti a misure cautelari

I Carabinieri del Comando Provinciale di Messina, unitamente al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Messina, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, nove persone ritenute responsabili di aver percepito indebitamente il sopracitato reddito di cittadinanza, così come erogato dall’I.N.P.S..
Al termine delle indagini, i Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Patti, hanno eseguito nei confronti dei nove soggetti di cui sopra, un decreto di sequestro finalizzato alla confisca delle somme indebitamente percepite, pari ad un totale complessivo di euro 31.767,64, così recuperate dallo Stato.

Nello specifico, i Carabinieri hanno proceduto al sequestro delle somme nei confronti di un uomo (un 53enne di Patti) che aveva omesso di comunicare le variazioni reddituali rilevanti ai fini della revoca o riduzione del beneficio percepito, avendo nel frattempo avviato un’autonoma attività lavorativa, così percependo indebitamente la somma di circa 4.500 euro.

I Carabinieri, inoltre, hanno proceduto al sequestro nei confronti di due donne (una rumena ed una polacca, rispettivamente di 38 e 21 anni), le quali avevano dichiarato falsamente di risiedere da più di 10 anni in Italia; gli accertamenti effettuati tramite controlli sul territorio e consultazione di banche dati, hanno invece consentito di acclarare la mendacità di tali dichiarazioni, così recuperando cinque mensilità indebitamente percepite da una delle donne (pari a 2.500 euro), nonché due mensilità indebitamente percepita dall’altra (pari a 1.200 euro).

I Carabinieri, infine, hanno proceduto al sequestro nei confronti di ben sei soggetti (una donna e cinque uomini) che avevano omesso di comunicare all’INPS la sopravvenuta irrogazione nei loro confronti di misure cautelari personali (arresti domiciliari, obbligo di dimora, etc.), per reati di vario genere, fra cui detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, stalking, etc..
Fra questi, i Carabinieri, in particolare, hanno accertato come un uomo di 49 anni, di Patti, avesse omesso di comunicare all’ente erogatore la sottoposizione alla misura cautelare personale coercitiva dell’obbligo di dimora per il delitto di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, così percependo indebitamente la somma di oltre 14.000 euro, somma che è stata parimenti sottoposta a sequestro e dunque recuperata.
Il sequestro per equivalente delle somme indebitamente percepite, in definitiva, oltre alla denuncia in sede penale ed alla sottoposizione al relativo procedimento, appare lo strumento più idoneo per contrastare il pernicioso fenomeno.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook