Venerdì, 30 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Addio alla signora Pina, morta la "veggente" di Giampilieri. Quella Madonna che lacrima sangue

Addio alla signora Pina, morta la "veggente" di Giampilieri. Quella Madonna che lacrima sangue

di

Se ne è andata nel silenzio, affidandosi interamente a quella Madonna delle lacrime, che l’avrebbe scelta come testimone per trasmettere i suoi messaggi all’umanità dolente. La signora Pina è stata stroncata da un male incurabile. Per tutti era la “veggente” di Giampilieri. Una donna semplice e gentile, vissuta insieme con il marito Nino Micali in una casetta di Giampilieri Marina, la cui vita cambiò radicalmente il 21 ottobre del 1989. Tutto cominciò, infatti, dalla lacrimazione dell’immagine del “Santo volto” di Gesù, che all’epoca fece tanto discutere, polemizzare, attirando le prime folle di curiosi, di scettici e di fedeli appassionati.

Fu in quella prima occasione che conoscemmo Pina Micali: sembrava una donna smarrita, stordita dalle luci dei riflettori, entrata in un gioco più grande di lei, ma nello stesso tempo aggrappata a quella fede nella Vergine Maria che aveva sempre caratterizzato la sua esistenza. Quelle lacrime furono analizzate e il responso fu netto: si tratta di lacrime umane. Tutto il resto rimase avvolto nel mistero. Il 27 marzo 1990, alla vigilia della Pasqua, quelle lacrime provenienti dal volto di Cristo si trasformarono in sangue. Poi, cominciò a lacrimare anche la statua della Madonna. Quella casa divenne meta incessante di pellegrinaggi, nacque un Centro di spiritualità, fu costruita una cappella, vennero raccontati anche di casi di guarigioni scientificamente inspiegabili.

La Chiesa ufficiale ha guardato sempre con prudenza e sospetto questi fenomeni, non riconoscendoli. Eppure, ci sono stati tanti sacerdoti, anche cardinali e vescovi che si sono recati in quella casetta e hanno sempre avuto parole di stima e affetto nei confronti di Pina Micali. Lei non ha mai cambiato stile di vita, è sempre rimasta la donna umile che, nei momenti di estasi, diceva di raccogliere i messaggi della Madonna (con contenuti di alto spessore teologico, e Pina aveva solo la licenza elementare), avendo la missione di diffonderli per il bene dell'umanità. Per molti veggente, per tanti forse anche santa, per altri pedina di un grande imbroglio. Pina Micali se ne è andata, era un'anima semplice, con una fede appassionata e un'amore infinito per la "Madre di tutti".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook