Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Il Questore di Messina, Gennaro Capoluongo, in visita a Barcellona PG

Il Questore di Messina, Gennaro Capoluongo, in visita a Barcellona PG

Accompagnato dal dirigente del Commissariato di Polizia di Stato, dott. Antonio Rugolo, il nuovo Questore di Messina, dott. Gennaro Capoluongo, ha fatto visita a Barcellona Pozzo di Gotto. Ad accoglierlo il sindaco e il Comandante della Polizia Municipale.
Tra i diversi temi affrontati nel corso dell’incontro - aperto e molto cordiale - i più importanti certamente sono stati quelli della sicurezza e della legalità.

La comunità di Barcellona Pozzo di Gotto ha fatto molto negli ultimi decenni per maturare una profonda coscienza civile e una cultura diffusa della legalità e per traghettare da un antico ruolo di osservatore passivo a quello di elemento attivo e di primo piano nella battaglia quotidiana contro l’illegalità.
Per il Questore Capoluongo e il sindaco Giuseppe Calabrò occorre proseguire con costanza su questo percorso, rivolgendo la maggiore attenzione sui temi che ci consegna l’attualità, quali la tutela dell’ambiente e la difesa dei beni comuni e del decoro urbano.
E’ un percorso che non può prescindere da un ulteriore rafforzamento del senso di appartenenza, della coscienza civile e della cultura della legalità, soprattutto tra i giovani.
In questa direzione resta preminente – sia per il Questore che per il sindaco - il ruolo che hanno svolto e che devono continuare a svolgere gli attori principali della società civile e le agenzie educative, la scuola prima di ogni altra.
Nel salutarsi, i due rappresentanti istituzionali hanno ribadito l’impegno per una forte e sinergica collaborazione mirata a rafforzare l’attività di contrasto dell’illegalità, in special modo nel settore della tutela dei beni comuni e del decoro del territorio, a difesa della civile convivenza e della qualità della vita urbana.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook