Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina, supermercato si disfa delle insegne e scarica... nel torrente Larderia

Messina, supermercato si disfa delle insegne e scarica... nel torrente Larderia

Lo smaltimento illecito dei rifiuti finisce nel mirino della Polizia specialistica guidata dal commissario Giovanni Giardina (comandante vicario della Polizia municipale di Messina), con la collaborazione dell'ispettore Giacomo Visalli (coordinatore del Reparto Ambientale). L'abbandono e la combustione dei rifiuti rappresentano una problematica seria.

Spazzatura in pieno centro cittadino

Individuati in pieno centro cittadino alcuni soggetti intenti a liberare un appartamento da mobili, suppellettili, elettrodomestici per abbandonarli lungo due marciapiedi. Gli agenti giunti sul luogo hanno sequestrato l'area e deferito all'autorità giudiziaria i due operai, il proprietario dell'appartamento e dei rifiuti, nonché l'affittuario.

Smaltimento... selvaggio

Seconda la polizia, rifiuti di ogni genere sarebbero scaturiti dai lavori di sostituzione del materiale pubblicitario (piccole e grandi insegne) effettuati nella zona sud della città da un rinomato supermercato che ha cambiato gestione: adesivi, poster, depliant, cartellini prezzi ma soprattutto vernici e neon raffiguranti il logo dell'azienda. Tutto questo materiale insieme ad altri rifiuti indifferenziati, sempre riconducibili al supermercato, sono stati abbandonati nel torrente Larderia. L'area è stata sequestata e il direttore del supermercato deferito all'autorità giudiziaria.

Spazzatura incendiata

Sempre in zona sud nei giorni scorsi una intensa coltre di fumo nero ha attirato l'attenzione degli agenti che, accertata la provenienza del rogo, hanno scoperto l'ennesimo smaltimento mediante incendio di rifiuti speciali pericolosi, ad opera di alcuni soggetti per conto di una nota attività commerciale cittadina. L'accertamento ha permesso di scoprire anche un'attività produttiva, avviata abusivamente in un preesistente capannone realizzato nel 2017 anch'esso in assenza di alcun permesso. All'interno del capannone sono stati rinvenuti macchinari industriali utili per la produzione di insegne pubblicitarie.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook