Mercoledì, 02 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca "Fuga" dalla Sicilia, traffico agli imbarcaderi di Messina dopo l'apertura delle regioni

"Fuga" dalla Sicilia, traffico agli imbarcaderi di Messina dopo l'apertura delle regioni

di

La "grande fuga" dalla Sicilia. Già dalle undici circa di ieri sera si sono create a Messina le prime file di auto in attesa di traghettare nel serpentone degli imbarcaderi privati della Caronte&Tourist.

Decine di auto in fila per salire a bordo della prima nave utile, a quanto pare quella delle 4.40, che consentiva di sbarcare a Villa San Giovanni senza bisogno della famigerata autocertificazione per gli spostamenti da regione a regione.

Decine di automobilisti, probabilmente non tutti siciliani ma anche i "turisti forzati" della pandemia, per le ragioni più svariate si sono messi in coda ad attendere il loro turno per risalire la Penisola e arrivare alle destinazioni prefissate.

Per lavoro, per motivi di studio, o anche per un "semplice" viaggio di svago, oppure per tornare a casa. E c'è da scommettere che il traffico verso la Sicilia dalla Calabria già nella notte sia parecchio aumentato.

Tutto questo mentre a Messina le strade erano percorse con un imponente spiegamento di forze da decine di mezzi con a bordo gli uomini di polizia, carabinieri e polizia municipale, nell'ultima notte di controlli e posti di blocco prima della cessazione della quarantena per l'intera Isola.

Da oggi è tutta un'altra storia, la gente si lascia alle spalle, si spera, il periodo più nero della nostra storia recente con la voglia di ricominciare, finalmente, a vivere quella "normalità" che mancava ormai da un paio di mesi.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook