Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Foto Archivio I finlandesi scelgono Messina per il loro "Paradise Hotel"

I finlandesi scelgono Messina per il loro "Paradise Hotel"

di

ITALA (MESSINA)

Una produzione finlandese di oltre 40 persone, e ancora ragazzi e ragazze tra i 18 e i 26 anni e una villa da sogno, dove trascorrere in relax e spensieratezza una vacanza particolare che potrebbe fruttare ben 300 mila euro. Questo il montepremi che si aggiudicherà il fortunato vincitore del reality show "Paradise Hotel", o meglio, come racconta la responsabile della produzione, Tiina Vaisanen, "Paratiisi Hotelli". Un format internazionale non ancora arrivato in Italia ma che ha preso piede in molti paesi del nord Europa e della Scandinavia e vede un gruppo di giovani coppie impegnato a vivere per diverse settimane a stretto contatto in una struttura alberghiera di lusso.

Abbarbicata tra le colline che degradano decise e rigogliose verso il mare azzurro dello Stretto di Messina e al centro di un grande agrumeto, villa Hamalia sembra davvero condurre chi le fa visita alle porte del Paradiso. Sarà stato proprio per le caratteristiche di questa abitazione, in contrada Belvedere a Itala, realizzata nei primi del Novecento, dimora dei Marchesi Calamarà e poi acquistata dalla famiglia Arcovito nella metà degli anni Cinquanta, che la produzione finlandese, tramite un'agenzia italiana, l'ha scelta per registrare il reality.

La prima edizione della versione finlandese del programma si è svolta in Spagna, due anni fa, adesso è stata scelta la Sicilia, e il grande gruppo della produzione, da molte settimane ha letteralmente invaso la costa jonica, da Scaletta ad Alì sino a SantíAlessio siculo per cercare gli angoli più belli e suggestivi. Le riprese hanno preso il via lo scorso 29 giugno e sono terminate in questi giorni, il 19 infatti si è conclusa la permanenza dei concorrenti negli spazi della villa, mentre la produzione ha abbandonato le location messinesi il 25 luglio.

Non solo riprese in interno e negli spazi esterni della struttura, tra il giardino e la piscina a sfioro che sembrano perdersi tra il cielo e il mare, con tantissime telecamere per spiare giorno e notte i concorrenti, 11 all'inizio, che via via sono stati eliminati e sostituiti. A completare ogni puntata ñ in tutto venti episodi che andranno in onda nel canale Nelonen/Liv a partire dalla fine di settembre è anche immagini dei bellissimi luoghi che circondano la villa, da Itala sino a Taormina, valorizzando le bellezze della costa jonica, le tipicità di luoghi come Alì, Scaletta, Letojanni grazie a numerosi shooting effettuati dalla produzione, con riprese panoramiche e dall'alto. A guidarci alla scoperta delle bellezze della struttura occupata dal brio e dalla spensieratezza dei giovani finlandesi Ë l'ingegner Eugenio Arcovito: "Abbiamo cominciato alcuni anni fa un accurato progetto di ristrutturazione che la riportasse agli antichi splendori e la trasformasse in uno spazio dove vivere momenti incantevoli, creando una zona ristorante, un'area ricevimento. Quando siamo stati contattati da una società che ci ha proposto di ospitare il reality, ritenendo fosse un posto suggestivo e ideale per le riprese, abbiamo pensato potesse essere una bellissima occasione per la struttura e al contempo per valorizzare le attrattive del nostro territorio, che grazie alle immagini del reality faranno il giro del mondo. Si tratta di una produzione che sceglie i nostri luoghi per un lungo periodo e così si parlerà non solo della bellissima Taormina ma anche degli altri luoghi ugualmente belli e ricchi di attrattive della riviera jonica".

"Ed il territorio risponde bene, accogliente ed entusiasta, anche se non è abituato ad eventi del genere - spiega Ottavia Pulvirenti, local manager della Sicily Luxury Village - il gruppo della produzione si è poi affezionato ai luoghi e soprattutto alla cucina messinese, tanto da tornare alla villa anche nei giorni liberi per i pasti".

A deliziare i palati del gruppo finlandese il cuoco Salvatore Muscolino, che ha proposto tutti i piatti tipici della cucina peloritana: "Dalle braciolettine alla pasta, che loro chiedevano ogni giorno oppure il pesce stocco a ghiotta, pur essendo un pesce delle loro zone non lo avevano mai mangiato cucinato così cucinato".

"E poi relax e divertimento per il gruppo" come riferisce Mariolina Santisi, l'unica ad avere pieno accesso agli spazi off limits della villa. Una esperienza positiva che la produzione finlandese pensa già di replicare, girando nella città dello Stretto anche la terza edizione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook