Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
AUTOMOBILISMO

Rally del Tirreno, Riolo ha la meglio: il messinese Casella costretto al ritiro

di

Salvatore Riolo e Maurizio Marin su Skoda Fabia R5 hanno vinto la quinta edizione del Tindari Rally, ultima prova del campionato siciliano organizzata dal team Cst Sport. L'equipaggio di Cerda ha preso il volo durante la sesta prova speciale, dopo il ritiro del messinese Alessandro Casella, pure su Skoda R5, che sino a quel momento teneva la testa della classifica.

Sul podio tutto composto da Skoda Fabia R5 sono saliti pure due protagonisti del tricolore rally: al secondo posto si sono classificati Marco Pollara e Rosario Siragusano, seguiti dai bravi palermitani Alessio Profeta e Sergio Raccuia. Sempre incerte e mutevoli le condizioni meteo che hanno alternato pioggia a vento, e per questo si sono disputate sette delle 9 prove in programma. Sotto al podio hanno confermato tutto il loro potenziale i giovani nisseni Salvatore Lo Cascio e Michele Castelli vincendo le ps 7 e 8, per la prima volta su una vettura a trazione integrale, come la Skoda Fabia del Team Munaretto.

Top five completata dai santangiolesi Carmelo Galipò e Tino Pintaudi, primo equipaggio interamente messinese, che sulla Fabia made in Ferrara Motors hanno rimontato posizioni, dopo una partenza un po' sottotono e malgrado delle scelte di gomme troppo azzardate. Tra le 2 ruote motrici e gruppo N, successo messinese con Antonino Segreto e Christian Bartolini su Renault Clio, che hanno dato la svolta decisiva dopo l'attacco sulla prima difficile prova della seconda giornata, chiudendo all'8° posto assoluto.

Alle loro spalle i peloritani Armaleo Vercelli e Nastasi Rappazzo. La gara ha avuto una svolta decisiva alla sesta prova speciale “San Piero Patti 2” quando il messinese Alessandro Casella, leader della corsa, è stato costretto al ritiro. Sino a quel momento il peloritano, navigato da David Arlotta, su Skoda Fabia R5 aveva dettato la legge del più forte, mettendosi alla spalle persino il campione Totò Riolo. Il palermitano a tre prove dal termine aveva un ritardo di 4”3 e sarebbe stato un finale esaltante se la cattiva sorte non avesse costretto il pilota messinese al ritiro. In questa quinta edizione del Tindari Rally gli equipaggi messinese non hanno brillato. Tranne Alessandro Casella, degli altri si sono perse un po' le tracce. Solo Carmelo Galipò è riuscito alla fine a conquistare il quinto posto assoluto in classifica generale, dopo un avviso a rilento.

Classifica

1) Riolo - Marin (Skoda Fabia R5) in 42'10”7; 2) Pollara - Siragusano (Skoda Fabia R5) a 14”8; 3) Profeta - Raccuia (Skoda Fabia R5) a 1'22”5; 4) Lo Cascio - Castelli (Skoda Fabia R5) a 1'49”1; 5) Galipò - Pintaudi (Skoda Fabia R5) a 2'01”0.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook