Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Luisa De Cola, vera eccellenza di Messina
LE STORIE

Luisa De Cola, vera eccellenza di Messina

La docente di Chimica all’Università di Milano nominata socia dell’Accademia dei Lincei
le storie, Messina, Società
Luisa De Cola

La messinese Luisa De Cola, docente di Chimica generale e inorganica all’Università degli studi di Milano, è stata eletta socia dell’Accademia nazionale dei Lincei, massima istituzione culturale italiana e più antica accademia scientifica del mondo, fondata nel 1603 da Federico Cesi. Il conferimento dei distintivi è avvenuto nel corso della cerimonia per l’apertura dell’anno accademico 2022-2023. Nello specifico, la professoressa De Cola è stata eletta socia per la Chimica e le sue applicazioni.
Luisa De Cola è giunta alla Statale della metropoli lombarda, dove insegna Chimica generale e inorganica, su chiamata diretta del rettore Elio Franzini nel settembre 2020 come “professore di chiara fama”.
Studiosa nell’ambito della chimica supramolecolare e dei (bio)materiali, Luisa De Cola porta avanti una ricerca creativa sul “self-assembly” e sui materiali ibridi in grado di distruggersi con uno stimolo, con particolare attenzione allo sviluppo di idrogel iniettabili e su nanomateriali per la diagnostica. È direttrice dell’Unità “Materials for Health” all’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”.
Laureatasi all’Università di Messina nel 1983, ha cominciato la sua carriera di ricercatrice al Cnr e poi all’Ateneo di Bologna. Nel 1986 ha ricevuto il Premio per la Chimica della Fondazione Bonino Pulejo. Tra il 1998 e il 2004 ha insegnato come docente ordinaria di “Molecolar Photonic Materials” all’Università di Amsterdam e, dal 2004 al 2012, ha retto la cattedra di “Nanoelectronics and Nanophotonics” all’Università di Munster, in Germania. Ha anche lavorato al Dipartimento di Chimico dell’Università olandese di Twente. Dal 2012 al 2020 è stata ordinaria (classe “exceptionnelle”) di “Supramolecular and Biomaterial Chemistry”, all’Università di Strasburgo e al Cnrs di Francia.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook