Domenica, 24 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società È docente della "Manzoni Dina e Clarenza" il primo Google for Education Certified Trainer di Messina
IL TRAGUARDO

È docente della "Manzoni Dina e Clarenza" il primo Google for Education Certified Trainer di Messina

Insegna all'istituto comprensivo "Manzoni Dina e Clarenza" il primo Google for Education Certified Trainer di Messina. Si tratta della prof.ssa Bernadette Ferlazzo ed è lei stessa a spiegare la competenza acquisita: "Si tratta di un docente che possiede ufficialmente gli strumenti e le competenze per poter aiutare colleghi, dirigenti, personale scolastico, allievi e famiglie ad utilizzare nel modo più corretto e proficuo gli strumenti di Google workspace. Significa far rete e quindi confrontarsi e condividere idee e materiali con gli altri Trainer ed educatori in Italia, in Europa e nel mondo e quindi crescere insieme".

Il percorso per trainer ha tre tappe, si superano prima due esami teorico pratici per educatori: il livello 1, che valuta il possesso delle competenze di base, e il livello 2 che implica competenze avanzate. Dopo aver ottenuto queste due certificazioni e dopo aver fatto un terzo esame teorico che valuti le competenze da trainer, si invia una candidatura in cui si presentano le esperienze nell'ambito della formazione e si descrive il proprio stile di coaching. La domanda comprende anche un video di presentazione e di dimostrazione pratica di utilizzo di uno degli strumenti o delle funzioni di Google workspace.

"Già da sei anni l'esperienza con i progetti Erasmus + che abbiamo portato avanti con impegno e grandi soddisfazioni nel nostro istituto" (la prof.ssa è una delle referenti del programma europeo) "ci aveva dato modo di capire come la didattica potesse diventare più coinvolgente per i ragazzi utilizzando le risorse digitali a disposizione della scuola. Con l'inizio della pandemia," continua la collega, "mi sono resa conto di come fosse diventata una necessità imprescindibile per tutti i docenti quella di conoscere gli strumenti fondamentali per una didattica digitale; non solo, ho pensato che anzi dalla crisi, che stiamo ancora vivendo dopo più di un anno, sia germogliata per la scuola italiana un'opportunità: quella di ridurre il gap generazionale che separa docenti e discenti proprio grazie all'utilizzo del linguaggio che i bambini e i ragazzi di oggi meglio conoscono. Quindi la scorsa estate mi sono preparata grazie ai materiali per la formazione proposti gratuitamente da Google e ho fatto l'esame come educatore certificato di primo livello. Poi quando è nato il gruppo di educatori Google italiano (GEG Italia) ho sentito da subito il desiderio di farne parte ed è stata ed è ogni giorno una continua scoperta e una fonte inesauribile di stimoli.

A ottobre mi sono cimentata con GEG nella traduzione in italiano e nella realizzazione dei video tutorial della "Google junior training series" presenti su YouTube e questa esperienza mi ha ancor più fatto capire di aver voglia di continuare un questo percorso. Così, cercando di rubare ritagli di tempo a famiglia e lavoro, ho ancora studiato per affrontare a gennaio il secondo esame e dopo qualche settimana la prova teorica per trainer; ho inviato quindi la candidatura.... e ora eccomi qui, molto orgogliosa di avercela fatta!

Un Google for Education certified Trainer mette le proprie competenze a disposizione delle scuole e elabora piani di formazione destinati a docenti, staff dirigenziale, studenti e famiglie etc.. Diventa un punto di riferimento per gli istituti della propria città nel caso di formazione in presenza, un supporto per i colleghi anche a distanza, un vero e proprio coach che aiuta ad utilizzare al meglio in classe le infinite potenzialità di Google workspace. E a proposito," conclude la prof, "ci tengo proprio a ringraziare i miei alunni (3E e 3G) che sono stati i miei sostenitori in questa avventura e pure la dirigente Concetta Quattrocchi e i colleghi che mi hanno accordato la loro fiducia e che stanno condividendo con me la soddisfazione di aver raggiunto per prima a Messina (anche in Sicilia siamo ancora in pochissimi) questa nuova meta!"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook