Domenica, 17 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società First Lady: comprovate le origini da Gesso, smentite quelle da Castanea
GLI STUDI

First Lady: comprovate le origini da Gesso, smentite quelle da Castanea

di
Jill Tracy Jacobs, Joe Biden, Messina, Sicilia, Società
Jill Biden

Le origini della moglie del presidente eletto degli stati Uniti d’America Joe Biden continuano a suscitare grande interesse. Del resto dopo il clamore mediatico nato a seguito della notizia che la signora Jill Tracy Jacobs, moglie dell’inquilino della Casa Bianca, è di origini messinesi, più precisamente di villaggio Gesso, non sono mancati i colpi di scena che hanno visto un susseguirsi di ipotesi che attribuivano alla first lady non solo origini di Gesso, tesi ormai comprovata, ma anche di Castanea, notizia praticamente smentita.

Diversi gli studiosi coinvolti in questa vicenda che ha alla sua base un errore di omonimia con Domenico Jacobs, nonno della signora Biden. A suscitare l’interesse dei media è stato in primis uno studio condotto da un appassionato per ricostruire l’albero genealogico delle famiglie di Gesso, poi smentito da Domenico Mazza, dottorando di ricerca in Scienze politiche dell’Università di Messina che si occupa di Genealogia e di ricerche archivistiche, il quale ha messo in luce il caso di omonimia con Domenico Giacoppo, figlio di Placido e Angela Caruso, emigrato da Gesso e morto bambino negli Stati Uniti. Dato fondamentale che attesta quindi che non può essere lui il nonno di Jill Biden, proprio perché il piccolo Domenico, presente assieme al proprio gruppo familiare nel censimento di Hammonton del giugno 1900, è assente per tutti i censimenti successivi (1905, 1910 e 1915). Tra tutti spicca un’approfondita analisi condotta dal Genealogista professionista Fabio Cardile, catanese di origini messinesi che ha ricostruito sia la storia dell’antenato di Jill Jacobs che quella di Giacoppo emigrato da Gesso.

«Il nonno della first lady – spiega Cardile – era Dominic Jacobs (nato nel 1898), sposato con Mabel Sarah Blazer e morto nel 1984. Sul bisnonno della first lady circolano due versioni: una in cui il padre di “Dominic” è indicato come Placido e l’altra in cui è indicato come Gaetano. La confusione – sottolinea – è stata generata dal fatto che esistevano due persone di nome “Domenico” entrambe nate nel 1898. Ma un piccolo dettaglio, ignorato da molti, li differenziava sostanzialmente cioè il loro luogo di nascita: uno era nato in Italia, l’altro in America. Infatti come dimostra il Censimento del 1940 di Hammonton, Atlantic, New Jersey, il nonno di Jill Jacobs nacque negli Stati Uniti. Si tratta quindi – aggiunge – di un documento che riveste una certa importanza perché indica che Dominic Jacobs di 42 anni (quindi del 1898) è nato nel New Jersey e conferma che si tratta proprio del nonno della first lady perché nel suo nucleo familiare è indicato “Donald Jacobs” di 13 anni cioè il padre di Jill Jacobs, nato appunto nel 1927. Nel 1898 ad Hammonton, nacque Domenico Giacoppo, figlio di Gaetano (nato in Italia nel 1856 circa, emigrato negli Stati Uniti nel 1886 circa e morto nel New Jersey nel 1943) e di Concetta Scaltrito (nata a Gesso il 2 gennaio 1865, emigrata dal porto di Napoli il 20 novembre 1889). Dalla loro unione nacquero sette figli, tutti dati alla luce in America. La trasformazione del cognome – precisa – deve essere avvenuta prima o contestualmente al Censimento del 1900 in quanto in quell’occasione tutti i figli della coppia vennero registrati direttamente con il cognome “Jacobs”. La provenienza di Gaetano è pertanto siciliana, ma il luogo di nascita esatto è in corso di individuazione, non essendo né Gesso né Castanea. Infatti – rimarca – Gaetano Giacoppo che nacque nel 1855 a Castanea delle Furie è un omonimo del bisnonno di Jill Jacobs perché si sposò nel 1884 con Maria Giacobbe con la quale ebbe diversi figli, tutti nati a Castanea tra il 1887 e il 1905, periodo in cui Gaetano (antenato della first lady) si trovava in America».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook