Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, cittadella dei diritti nelle aree di Gravitelli: si accelerano i progetti
PALAZZO DEI LEONI

Messina, cittadella dei diritti nelle aree di Gravitelli: si accelerano i progetti

I 43 milioni investiti sull’ex Città del Ragazzo

A Palazzo dei leoni si sta lavorando intensamente sulla definizione degli elaborati progettuali e sugli atti che saranno oggetto della gara d’appalto. I tempi sono stringenti, le risorse arrivano dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e vanno utilizzate e rendicontate entro il 2026. La “Cittadella dei diritti”, all’ex Città del Ragazzo di Gravitelli, è uno dei quei punti fondanti che fa da ponte tra l’Amministrazione De Luca e quella Basile. Nel solco della continuità, tra il progetto del “Dopo di Noi”, volto a potenziare i servizi per i soggetti con gravi disabilità, e quello, ancor più, ampio di fare delle strutture e di quelle aree lasciate in eredità da un grande sacerdote messinese, padre Nino Trovato, un grande Polo del nuovo Welfare a Messina.
La storia è ben nota. L’ex Provincia regionale si è inserita nella vendita davanti al giudice fallimentare del compendio “ex Città del Ragazzo”, investendo, più o meno, la stessa somma (tre milioni e mezzo di euro) che ha incassato dall’Università di Messina per la cessione dell’ex Hotel Riviera. Un’operazione, quella fortemente voluta dall’ex sindaco metropolitano Cateno De Luca e dal rettore Salvatore Cuzzocrea, che, di fatto, per la città di Messina, è stata come il classico detto “due piccioni con una fava”. Da un lato, l’Ateneo ha potuto già avviare i lavori di ristrutturazione del vecchio albergo di viale della Libertà, che nessuno voleva e che stava letteralmente cadendo a pezzi, destinato a ospitare ben 200 residenze studentesche (e sappiamo quanto pesa, nella valutazione per le classifiche delle Università, la componente dei servizi strutturali e ricettive). Dall’altro, la Città metropolitana si è assicurata un’area di grandissimo valore, venti ettari e novemila metri quadrati di superfici coperte, dalla rilevanza strategica, a un passo dal centro urbano, dotata di sufficienti spazi per immaginare davvero la “Cittadella dei diritti”, e per non far spegnere il sogno cullato (e realizzato) per decenni da padre Nino.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook