Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, ai donatori di sangue e organi sconto di 200euro sulla Tari. Regolamento al vaglio del Consiglio
VIA TRACCIATA

Messina, ai donatori di sangue e organi sconto di 200euro sulla Tari. Regolamento al vaglio del Consiglio

E' stato uno degli ultimi atti della Giunta De Luca. Basteranno due donazioni ematiche all'anno per avere diritto allo sgravio del tributo sui rifiuti

L’ultima parola spetterà al Consiglio comunale, ma la via sembra tracciata. Messina potrebbe essere uno dei primi comuni d’Italia a garantire una facilitazione a chi è pronto a fare un gesto nobile come quello della donazione di sangue, sangue del cordone ombelicale, del midollo osseo e degli organi tra viventi e dei tessuti. La giunta De Luca, poco prima di lasciare, ha approvato un regolamento.

Ad istruire il documento è stato l’assessorato alle politiche sociali che ha voluto puntare sulla promozione della donazione che alle nostre latitudini, sia pur in ascesa, non è ancora ai livelli che servirebbe, specie per quanto riguarda il sangue. Durante la pandemia, poi, la richiesta di trasfusioni è cresciuta ancora di più e, come si legge nelle premesse del regolamento, è stato calcolato che ogni paziente covid è dovuto ricorrere a trasfusioni di sangue e piastrine di 40 donatori.

Scorrendo gli otto articoli del regolamento, si legge come i donatori di sangue, sangue del cordone ombelicale, del midollo osseo e degli organi tra viventi e i donatori di tessuti hanno diritto ad un contributo solidaristico. Devono presentare una domanda al dipartimento servizi tributari e finanziari. Devono poter documentare di aver fatto almeno due donazioni di sangue nell’anno precedente a quello della presentazione della domanda. Per tutte le altre donazioni basta una sola occasione l’anno per ottenere il contributo.

L’attestazione dovrà essere rilasciata dai due centri trasfusionali del Martino e del Papardo o dall’Avis. Il contributo previsto è di 200 euro che «verrà imputato al pagamento della Tari dell’utenza domestica o commerciale di cui è titolare il richiedente». Se nella stessa famiglia c’è più di un donatore, dal secondo in poi il contributo è di 100 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook