Martedì, 28 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, sciolti due pesantissimi nodi debitori
LA SVOLTA

Messina, sciolti due pesantissimi nodi debitori

di
L’Amministrazione comunale ieri ha chiuso il capitolo relativo all’Ato3 e trovato l’accordo transattivo con la ditta Schipani. Un risparmio calcolato in 55 milioni. E così si salverebbe anche il Piano di riequilibrio
comune, nodi debitori, Messina, Politica
Cateno De Luca

Un capitolo chiuso, un accordo trovato in extremis, un abbattimento della situazione debitoria pari a circa 55 milioni di euro, e le osservazioni pronte per essere trasmesse, oggi stesso, alla sezione siciliana della Corte dei Conti, in replica ai rilievi critici mossi dalla magistratura contabile riguardo al Piano di riequilibrio economico-finanziario pluriennale. Si è chiusa in nottata la maratona del sindaco De Luca e dei massimi vertici dirigenziali di Palazzo Zanca che, da giorni, erano riuniti per giocarsi tutte le carte a disposizione, con l’obiettivo di vincere la delicatissima partita che si terrà il prossimo 8 febbraio a Palermo e dalla quale dipendono le sorti del Comune di Messina. Ci sono le condizioni, secondo il sindaco De Luca e la sua Amministrazione, per dimostrare la credibilità di quel Piano di riequilibrio rimodulato alla fine del 2018 e per scongiurare l’incubo del dissesto finanziario che, in questi tre anni e mezzo, sembrava essersi allontanato ma che, in realtà, non si è mai dissolto del tutto. Gli accordi stipulati ieri sera si riferiscono alle due matasse più ingarbugliate, che si trascinano da decenni: quella relativa all’Ato3 e l’altra che si riferisce ai rapporti tra Comune e ditta Schipani.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook