Martedì, 29 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, "salta" il Consiglio comunale. Stavolta l'amministrazione diserta i lavori
SCONTRO POLITICO

Messina, "salta" il Consiglio comunale. Stavolta l'amministrazione diserta i lavori

Si consuma nell'aula di palazzo Zanca l'emnesimo scontro politico tra la giunta e la maggioranza del consiglio comunale. L'approvazione del conto consuntivo 2020 è slittata di altre 24 ore, per la caduta del numero legale. Ma stavolta è l'amministrazione che ha deciso di disertare i lavori, con la vicesindaca Carlotta Previti che, dopo il suo intervento, ha abbandonato la sala, seguita dai tre consiglieri che sostengono la giunta De Luca, Nello Pergolizzi, Serena Giannetto e Francesco Cipolla, in risposta alla mancata votazione del documento contabile che il consiglio avrebbe dovuto esitare entro il 31 dicembre. Il sindaco ha commentato sarcasticamente: "Poveri... politicamente morti di fame! Domani i consiglieri comunali saranno costretti a votare il bilancio consuntivo sennò il 10 gennaio se ne andranno a casa e rimarranno senza paghetta mensile erogata dal palazzo municipale. Perché non lo avete approvato entro il 31 dicembre così potevamo appaltare circa 13 milioni di opere strategiche per la comunità? Se siete persone coerenti e non siete dei pecoroni politicamente morti di fame ormai non dovete più approvarlo non mettendolo più all’ordine del giorno. A qualche asino volante replichiamo, smascherandolo immediatamente: votare contrario significa contribuire al raggiungimento del numero legale per farlo approvare agli altri... A questi io dico: non dovete partecipare alle sedute di consiglio comunale così non si raggiugnerà il numero legale. Tale disinteressato suggerimento vale per tutti i consiglieri comunali che ancora hanno un minimo di dignità!". Duro l'intervento della vicesindaca, che ha imputato ai consiglieri la responsabilità di non poter applicare l'avanzo di gestione, pari a oltre 12 milioni di euro, che era stato destinato per opere importanti nei settori della pubblica illuminazione, della rete fognaria, delle strade, dei cimiteri e per l'adeguamento delle rampe degli svincoli di giostra e annunziata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook