Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Barcellona, in tilt la posta elettronica del Comune: disagi per chi richiede i buoni spesa
LA SITUAZIONE

Barcellona, in tilt la posta elettronica del Comune: disagi per chi richiede i buoni spesa

di

In “tilt” la posta elettronica di Palazzo Longano a Barcellona che non riesce a ricevere - perché le caselle dell'ente sarebbero poco capienti - le mail inviate da chi richiede i “buoni spesa”. Le criticità sono emerse già nella tarda mattinata di mercoledì, quanto anche i creditori del Comune che continuano a sollecitare gli uffici comunali rimasti chiusi senza personale a pagare i debiti. Famiglie, sindacati e Caf, che chiedono il rilascio dei buoni spesa, ma anche professionisti che chiedono di essere pagati, si sono visti respingere le e-mail che avevano inviato sia alla casella postale per chiedere i buoni pasto, ma anche alle caselle pec.

Parrocchie e oratori scoprono che i richiedenti del buono spesa non potranno essere coloro che usufruiscono del Banco alimentare e degli aiuti della stessa Caritas diocesana e per questo, con in testa la stessa Suor Marilena Mercurio, la salesiana dell'oratorio Figlie di Maria Ausiliatrice, chiedono che sia subito riformato lo stesso modulo di richiesta. Infatti nel modulo predisposto dal Comune in difformità a quanto prevede l'ordinanza del Governo nazionale, si deve dichiarare di «non aver accesso ad alcuna misura di sostegno alimentare», tra cui il Banco alimentare e la Caritas.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook