Domenica, 01 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Capo d'Orlando tra paralisi e debiti: agire subito per aiutare il terziario
CRISI ECONOMICA

Capo d'Orlando tra paralisi e debiti: agire subito per aiutare il terziario

di

Agire subito per aiutare il terziario di Capo d'Orlando prima che sia troppo tardi. A l'appello lanciato dall'associazione dei commercianti orlandini “CapoVolti”, subito accolto dal sindaco Franco Ingrillì che la prossima settimana convocherà un tavolo di confronto on-line con i proprietari di negozi e magazzini per l'azzeramento o dimezzamento dei canoni d'affitto, si è aggiunto quello della II commissione consiliare.

Il tavolo di confronto, suggeriscono, deve essere permanente così da affrontare sia l'attuale crisi economica conseguente al coronavirus sia le strategie di rilancio post-pandemia.  In particolare, nel decalogo approvato in commissione dai consiglieri di maggioranza e minoranza nonché dal capogruppo Massimiliano Fardella, si è condiviso un sostegno imponente per tutelare aziende, lavoratori autonomi e posti di lavoro con sospensione di tributi, mutui, bollette e pagamenti di ogni genere, cassa integrazione per tutti e ammortizzatori sociali per partite Iva. Inoltre, il differimento delle scadenze di tributi comunali di almeno sei mesi; il differimento della notifica degli atti di accertamento e/o riscossione per almeno tre mesi: una moratoria sulle rateizzazioni in corso di almeno tre mesi; le rateizzazioni lunghe per i tributi comunali scaduti.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook