Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
NOMINE

Burocrati del comune di Messina, "saltano" alcuni dirigenti

di
Antonella Cutroneo, Antonino Cama, Antonio Amato, Antonio Cardia, Carmelo Giardina, Cateno De Luca, Domenico Manna, Domenico Signorelli, Francesco Ajello, Giovanni Di Leo, Riccardo Pagano, Romolo Dell'Acqua, salvatore de francesco, Messina, Sicilia, Politica
Comune di Messina

Arrivano le prime conseguenze, dirette e indirette, del comizio «spartiacque» - così lo ha definito - del sindaco De Luca. La prima aspettava solo di essere suggellata da un atto formale: la nomina di Enzo Caruso come nono assessore della Giunta. A lui, oltre alle deleghe che avevamo anticipato ieri (Cultura, Turismo e Brand Messina) vanno anche le Politiche giovanili e l'inedita Valorizzazione e promozione del patrimonio fortificato.

L'altra conseguenza, indiretta, come scrive la Gazzetta del Sud in edicola, va letta tra le righe (ma neanche tanto) di un intervento del leader di Sicilia Futura, l'ex deputato Beppe Picciolo: «De Luca, molto rumore per nulla?».

In tarda serata, intanto, il sindaco ufficializza la “rivoluzione” riguardanti gli alti burocrati di Palazzo Zanca. Confermati i dirigenti Antonio Amato, Francesco Ajello, Giovanni Di Leo, Antonino Cama, Antonio Cardia, Domenico Signorelli, Salvatore De Francesco, Carmelo Giardina e Antonella Cutroneo. Non sono stati riconfermati invece Domenico Manna, Romolo Dell'Acqua e Riccardo Pagano (adesso dovranno trovare posto, in mobilità, in altre pubbliche amministrazioni).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook