Domenica, 22 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

A Messina l’ideologo di Putin, l’Università prende le distanze

di
ideologo putin, Aleksandr Dugin, Vladimir Putin, Messina, Sicilia, Politica
Aleksandr Dugin

Non poteva passare inosservata la tappa messinese del professor Aleksandr Dugin, politologo e scrittore russo, propugnatore di teorie politiche radicate nel populismo, considerato l’ispiratore culturale della Russia guidata da Putin.

L’appuntamento è domani a Messina. Inizialmente l’Università aveva concesso l’Aula Cannizzaro per ospitare l’evento, ma i vertici accademici, dopo un’attenta riflessione e alla luce delle «posizioni estremiste del filosofo russo», hanno scelto di prendere le distanze. Oggi comunicheranno la loro decisione.

Dugin - riporta la Gazzetta del Sud in edicola - argomenterà le sue tesi nella cornice del convegno “Civitas, identità e diversità”, inserito in un itinerario italiano di 11 tappe, tutte scandite da un “tam tam” di reazioni indignate contro il politologo russo.

Il tour di Dugin in Italia è stato scandito dalle polemiche. Lo accusano di essere il rigeneratore delle pulsioni ideologiche che animano rigurgiti neofascisti. Lui esalta il «popolo come un nuovo concetto politico»: «Il populismo mischia la richiesta di giustizia sociale con la domanda per il ritorno a valori conservatori, non è né di destra né di sinistra, semplicemente è antiliberale».

Ma non è un caso che sia proprio la galassia di estrema destra a indicarlo come sorgente culturale. Le analogie storiche non mancano.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook