Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SICILIA

Finanziaria regionale, De Luca: a Messina sbloccate le procedure per il risanamento

“Abbiamo recuperato circa 50 milioni di euro sul fondo del precariato, oltre 1,5 milioni di euro per le aree alluvionate, abbiamo sbloccato le procedure di risanamento”. E’ quanto dichiarato dal sindaco di Messina Cateno De Luca che, insieme con il deputato regionale Danilo Lo Giudice, ha tenuto una conferenza stampa a Palazzo Zanca, nel corso della quale ha illustrato ai giornalisti le tappe di una lunga notte definita dallo stesso primo cittadino “notte di fuoco”, che si è conclusa con l’approvazione da parte del Parlamento siciliano del bilancio e della finanziaria 2019/2022.

All’incontro hanno preso parte il vicesindaco Salvatore Mondello, gli assessori Dafne Musolino, Roberto Vincenzo Trimarchi, Carlotta Previti e Giuseppe Scattareggia, e il presidente di Arisme, Marcello Scurria.

Il sindaco De Luca ha fatto una disamina in merito alle norme approvate a favore della città di Messina e degli altri comuni della Provincia: “Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto e dei risultati portati a termine – ha dichiarato il sindaco De Luca – in quanto sono stati inseriti gli interventi da noi previsti nell’ambito della legge di stabilità e che interessano la città di Messina. Con un lavoro di squadra, e per questo ringrazio pubblicamente Lo Giudice, siamo riusciti a confermare le iniziative legislative relative al nostro territorio messinese. In merito all’Arisme è servito un colpo di mano per sbloccare la situazione, poiché i potenti ne avevano bloccato lo sviluppo. L’Iacp, per cedere al Comune le aree, aveva chiesto un milione e mezzo di euro, mentre la legge regionale n. 8 del 2018, all’articolo 62, prevede che le medesime aree vengano cedute a titolo gratuito. Qualcuno, che ha remato contro la propria città, ha cercato di stralciare tale norma, ma siamo riusciti a bloccare tale tentativo e adesso mi auguro che al più presto si possa dare luogo alla fase operativa, attraverso il processo di sbaraccamento, che rappresenta una delle priorità del nostro programma”. Lo Giudice ha ringraziato anche l’assessore regionale Marco Falcone, che ha espresso parere favorevole al terzo emendamento, che ha sbloccato la cessione delle aree a titolo gratuito al Comune di Messina.

“Un altro risultato importante portato a casa – ha proseguito il sindaco De Luca – interessa il Fondo per il precariato. Sul fronte delle stabilizzazioni, dal 2016 al 2018 il Comune di Messina aveva perso circa 4 milioni di euro. Noi siamo riusciti a creare una riserva per i Comuni che non avessero usufruito di tale fondo per un ammontare di 3 milioni di euro, recuperando somme correnti importanti, circa 2,5 milioni di euro annui per i prossimi venti anni, e allo stesso tempo ci siamo nuovamente agganciati a tale Fondo per risolvere l’annosa questione del precariato. Relativamente ai Comuni alluvionati, per gli anni 2018-2019-2020, abbiamo ottenuto complessivamente l’importo di un milione e mezzo di euro, che consentirà di rivitalizzare tali contesti, oltre agli interventi di messa in sicurezza”.

Lo Giudice ha concluso l’esposizione dei provvedimenti, spiegando che: “Per il Teatro Vittorio Emanuele, al di là di un errore materiale poi corretto, nel rispetto di una parità di trattamento con gli altri Teatri regionali, sono stati inseriti 700 mila euro, che permetteranno tra l’altro la stabilizzazione dell’orchestra. Previsto anche un contributo a Taormina Arte per le sue attività”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook