Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
FASE DI STALLO

Risanamento a Messina, l'Amministrazione De Luca ha rallentato il passo

di
amministrazione, arisme, baracche, comune, messina, risanamento, Cateno Del Luca, Marcello Scurria, Nello Musumeci, Messina, Sicilia, Politica
Il "tappeto" di baracche della città di Messina

Se ne è andato anche novembre. E di baracche e di riqualificazione si parla sempre di meno. Nessuno mette in dubbio l’impegno del presidente Marcello Scurria e degli altri componenti del Cda di A.Ris.Me,  l’Agenzia del risanamento voluta a tutti i costi dal sindaco De Luca. Il problema è che dopo una fase iniziale vissuta in modo forsennato, nel tentativo di ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza, è come se, dopo il “no” del Governo e della Protezione civile nazionale, la tensione fosse calata tutta in un colpo.

E ora ogni tanto si riferisce dell’esito di una riunione, si comunica l’imminente definizione delle procedure relative ai 50 alloggi di villaggio Matteotti e ai 47 di Camaro Sottomontagna (progetti in corso di realizzazione da tempo immemorabile), si annunciano confronti con l’Istituto autonomo case popolari, ma la verità è che si è ritornati sui binari lungo i quali il treno del risanamento viaggia da decenni.

È come aver assistito a due campionati di calcio in uno. Partenza sparata della squadra di casa, che attua un pressing straordinario, entusiasma anche i tifosi più scettici, sbanca perfino Palermo (con l’indubbio successo personale di De Luca nell’aver quasi “costretto” il presidente Musumeci e la sua Giunta a condividere il percorso della dichiarazione dello stato di emergenza), poi arriva a Roma e lì, per le ragioni che sappiamo, viene irretita in una trama di gioco che la snatura e la porta a subire il gol in contropiede. Da qui l’altro campionato, non più gare all’attacco ma l’inevitabile accontentarsi di qualche piccolo pareggio.

Inevitabile chiedersi oggi a che punto sia l’annunciato passaggio di competenze, e di beni patrimoniali, dall’Iacp all’Agenzia che, secondo la legge approvata all’Ars grazie proprio all’emendamento presentato dall’allora deputato regionale De Luca, dovrebbe assumere il ruolo e le funzioni finora svolti dal Comune e dall’Istituto.

Leggi l'articolo completo su Gazzetta del Sud - edizione Messina in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook