Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Noi Magazine “Il futuro che vorrei - Unicef in tempo di pandemia”: webinar con NoiMagazine
GIOVEDÌ ALLE 10.30

“Il futuro che vorrei - Unicef in tempo di pandemia”: webinar con NoiMagazine

di

“I diritti dei bambini e degli adolescenti contano e devono essere rispettati e promossi ogni giorno, ovunque nel mondo”. A dichiararlo in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia celebrata il 20 novembre 2020 è stata la presidente di Unicef Italia Carmela Pace, la quale ha spiegato come il Covid abbia aperto nuove crisi e acuito quelle già esistenti, soprattutto per i minori, i soggetti più vulnerabili. Dall’ultimo rapporto dell’Organizzazione “The future we wont - Essere adolescenti ai tempi del Covid-19” è emerso che, in una scala da 1 a 10, il 6,5 degli adolescenti si dichiara soddisfatto; vicino alla sufficienza il benessere economico e nettamente al di sotto la salute, nella cui valutazione pesa la percezione di insicurezza e fragilità legata alla pandemia. Povertà, istruzione, accesso a internet, disagio psicologico, assistenza sanitaria, cambiamento climatico: sono queste alcune delle priorità che richiedono, ha detto, “uno sforzo congiunto, sostenuto e sostenibile, senza dimenticare o lasciare indietro nessuno, garantendo supporto ai più vulnerabili”. Un’emergenza che coinvolge la scuola, principale agenzia educativa, assieme alle famiglie e alle istituzioni civili e religiose responsabili di un “cambiamento nel cambiamento”.

“Il futuro che vorrei - Unicef in tempo di pandemia” è il tema del webinar promosso dalla Società Editrice Sud con l’Istituto comprensivo “La Pira Gentiluomo” di Messina nell’ambito del progetto “Gazzetta del Sud in classe con Noi Magazine”. Ospite d’onore dell’evento web che si terrà giovedì 11 febbraio, a partire dalle 10,30 in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di Gazzetta del Sud, sarà proprio Carmela Pace, presidente nazionale Unicef eletta lo scorso 11 dicembre. In apertura, dopo i saluti del presidente di Ses Lino Morgante e della dirigente scolastica Luisa Lo Manto, si aprirà il dibattito tra la prof.ssa Pace e gli studenti del comprensivo. La diretta, alla quale parteciperà anche la presidente provinciale Unicef Angela Faranda, sarà moderata dalla giornalista della Gazzetta del Sud Natalia La Rosa, responsabile dell’inserto “Noi Magazine” che nell’edizione di giovedì prossimo ospiterà i contributi degli studenti della “La Pira Gentiluomo”.

L'evento potrà essere seguito sui canali social di Gazzetta del Sud da tutti gli studenti di Noi Magazine, che potranno rivolgere in chat domande alle quali la presidente Pace risponderà successivamente sulle pagine dell'inserto.

Originaria di Siracusa, Carmela Pace è la prima donna che ricopre questa carica apicale nella storia dell’organizzazione (Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia) nata nel 1946 per aiutare i bambini europei al termine della Seconda Guerra Mondiale e diventato dal 1953 una struttura permanente che contribuisce a migliorare le condizioni di vita dei bambini di tutto il mondo. Laureata in Lettere moderne, ha insegnato nelle scuole superiori ed è stata dirigente scolastico sia negli istituti d’istruzione superiore che nei comprensivi promuovendo importanti sperimentazioni con il Miur; ha fatto parte anche del Consiglio nazionale della Pubblica istruzione. E’ stata referente nazionale della commissione Arte e cultura della Fidapa (Fondazione italiana donne arti professioni e affari), nonché componente del Consiglio d’amministrazione della Fondazione Fidapa e presidente del Centro nazionale Studi pirandelliani di Siracusa. La Pace ha una lunga esperienza come volontaria Unicef; è stata anche presidente del comitato provinciale Unicef di Siracusa, membro della commissione per la formulazione del Codice etico e, dal 2018, vice presidente italiana. Nei decenni scorsi, grazie al lavoro dell’Organizzazione su vasta scala, sono stati ottenuti traguardi importanti - primo fra tutti il calo della mortalità infantile al di sotto i 5 anni (da 12,5 milioni del 1990 a 5,2 milioni del 2019).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook