Sabato, 15 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Editoriali

Home Editoriali Quarantena all'Hotel Europa, figuraccia dello Stato in riva allo Stretto
IL COMMENTO

Quarantena all'Hotel Europa, figuraccia dello Stato in riva allo Stretto

di

State tutti a casa, state tutti a casa. Ritornello ossessivo e angosciante, che sta lacerando ognuno di noi, ogni famiglia, chiunque sta murato in casa da venti giorni e più. Tutti a casa, tutti a casa, giustissimo, sacrosanto, indispensabile, obbligatorio.

Ma poi a Messina accadono fatti come quello che abbiamo sotto gli occhi di tutti, frutto della figuraccia mondiale dello Stato in riva allo Stretto. E ora cento persone, donne incinte, bambini, stanno facendo la quarantena all'aperto, in un piazzale dell'Hotel Europa, controllati a vista, sì, ma privi di ogni standard di sicurezza per loro e per gli altri.

Un altro focolaio, l'ennesimo, ma non tanto dell'epidemia, quanto di impreparazione a gestire le emergenze da parte di chi poi ha scaricato i problemi gravissimi sulla comunità locale. E Messina non può farsi carico un minuto di più del peso derivante dalle scelte di carattere nazionale e regionale. Giusto l'appello e la protesta del sindaco: fate andare via queste persone da li, portatele alle loro destinazioni siciliane, e lì vengano ulteriormente controllate, messe in autoisolamento e sanzionate, come previsto dai dpcm e dal codice penale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook