Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
RIFIUTI

Differenziata a Messina, cinque giorni per mettersi in regola

di

Cinque giorni di tempo per mettersi in regola. Formalmente è un invito, ma di fatto è un ultimatum quello lanciato da Palazzo Zanca agli amministratori di condominio in vista dell'avvio della fase di consegna del materiale per fare partire la raccolta differenziata a Messina.

Sono ancora meno della metà i palazzi cittadini che sono stati “censiti” e, come scrive la Gazzetta del Sud in edicola, ora potrebbero scattare le sanzioni. A fine aprile il Comune ha pubblicato un'ordinanza che impegnava gli amministratori a fare due cose fondamentali. I professionisti, infatti, sono tenuti a comunicare i dati dell'anagrafe condominiale, cioè i dettagli di quanti e di chi abita nel palazzo ma devono anche apporre, in area condominiale visibile anche dall'esterno, una targa con l'indicazione del nome e cognome e i contatti dell'amministratore del condominio, con un recapito telefonico di pronta reperibilità.

Una società messinese, la Inpost, si deve occupare in 90 giorni di consegnare il materiale, mastelli, sottolavelli e carrellati, alle famiglie e ai condomini. Da una prima ricognizione è emerso che ci sono tantissimi palazzi che non sono stati “targati” con i dati dell'amministratore. Visto che la consegna del materiale nei condomini deve avvenire attraverso l'amministratore, l'assenza di un riferimento comporta che gli uomini di Inpost non abbiano nessun interlocutore.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook