Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
73 POSTI

Messina, al via domani le domande per le Borse lavoro del Comune

di
borse lavoro, comune di messina, messina servizi, palazzo zanca, Pon inclusione, Alessandra Calafiore, Messina, Sicilia, Economia
Messina Servizi

È facile immaginare che saranno migliaia i candidati alle Borse lavoro che il Comune ha finanziato puntando a rinforzare la “mano d'opera” di Messina Servizi. Da domani sarà possibile candidarsi ad una delle 73 borse lavoro che il dipartimento Politiche Sociali ha finanziato con 98 mila euro che serviranno a garantire una paga di 415 euro al mese, per tre mesi, ai borsisti e a garantire loro una copertura assicurativa Inail da 107 euro.

L'avviso è rivolto ai messinesi fra i 18 e i 65 anni, disoccupati o inoccupati con reddito familiare non superiore a 8370 euro e a rischio emarginazione per la mancanza di lavoro con disagio personale o familiare. Da domani sarà attivato, sul sito del comune, il link (http://srvwebced.comune.messina.it/borse-lavoro/borse-lavoro/domanda.php) con il quale scaricare la domanda che i candidati alle borse lavoro potranno anche compilare on line.

Quindi dovranno stamparla e presentarla (insieme alla fotocopia del documento d'identità e del codice fiscale) per il protocollo nelle sedi dei quartieri o all'URP di Palazzo Zanca o all'ufficio del dipartimento Politiche Sociali di piazza stazione. Negli stessi uffici possono anche compilare la domanda coloro i quali non sono in grado di poterlo fare autonomamente al computer.

«Abbiamo rinforzato le postazioni di front office perché l'esperienza della raccolta delle domande per i cantieri servizi ci ha insegnato - dice l'assessore alle politiche sociali Alessandra Calafiore - che sono in molti ad aver bisogno di aiuto nella compilazione». E la presentazione dei moduli potrebbe essere anche molto concentrata in pochissimi giorni perché la scadenza dei termini è stata fissata per il 15 maggio a mezzogiorno.

In base ai parametri previsti dal bando che assegnano punteggi diversi in base a reddito, condizione e carico familiare, durata della disoccupazione, verrà stilata una graduatoria dal Comune e - in base al cronoprogramma dell'assessore Calafiore -entro le seconda metà di giugno i 73 borsisti potranno essere all'opera. «Dieci di questi posti, sono riservati a donne vittime di violenza- ha detto - così diamo seguito ad un protocollo firmato nei mesi scorsi in Prefettura».

Nel dettaglio è previsto che i borsisti lavorino per 20 ore la settimana per 3 mesi, con ogni probabilità consecutivi. Saranno messi a disposizione della Messina Servizi per lavori manuali, infatti fra i requisiti c'è anche quello dell'idoneità fisica. La partecipata dei rifiuti, garantirà gli strumenti di lavoro necessari, affiancherà loro dei tutor, e inizierà l'attività , vista la stagione, con la pulizia delle spiagge. Ma l'impegno durando tre mesi, i 73 potrebbero essere utilizzati anche per lo spazzamento manuale o la pulizia cittadina.

Presto ci saranno novità anche su altre forme di sostegno al disagio economico. «Si tratta di fondi del Pon Inclusione - spiega Alessandra Calafiore - che potranno garantire 300 tirocini formativi per 12 mesi, prorogabili. Potranno essere frequentati da coloro che avranno il reddito di cittadinanza. Ci saranno due bandi, uno per i tirocinanti e uno per le aziende che li ospiteranno».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook