Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TRASPORTI

Benzina, a Messina non è in regola un impianto su cinque. Confesercenti: ora il Comune controlli

di

Nel settore della distribuzione dei carburanti regna l’anarchia. In città, per alcuni gestori il rispetto delle regole in materia è meno di un optional. Fortunatamente, rappresentano un sottoinsieme rispetto a quello in cui è presente chi rispetta la normativa vigente.

Complessivamente, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, 41 impianti su 52 sono in regola; 11, quindi, le “pecore nere” che avrebbero dovuto adeguarsi alla legge. Non lo hanno fatto prima, quando vi era tempo fino al febbraio 2018 e nemmeno successivamente, quando il termine è stato spostato nel mese di agosto.

Ciò a discapito della sicurezza dei cittadini e del corretto comportamento delle altre ditte che hanno speso fior di quattrini per rendere le loro pompe di benzina legali e sicure.

Il Comune avrebbe dovuto istituire un’anagrafe degli impianti con l’elenco degli stabilimenti che dichiarano di essere a norma. Del “vulnus” si sono fatti carico Faib-Confesercenti Messina e Fegica Cisl, con una nota firmata da Stellario Bossa e Antonino Munafò, indirizzata all’amministrazione comunale. .

Il vicesindaco Mondello ha invitato gli assessori competenti ad effettuare le opportune verifiche.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook