Lunedì, 21 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
LEGGE DI BILANCIO

Manovra, la protesta dei pensionati messinesi: "Lo Stato si accanisce su di noi"

di

Sono stati i pensionati i primi a scendere in piazza nel 2019, spinti dalla finanziaria del governo Lega-M5S che ha scatenato la rabbia di chi, dopo una vita di lavoro, si è visto tagliare le proprie pensioni. «Subiamo un drenaggio sistematico delle pensioni che, per la maggior parte, sono già minime», ha spiegato il segretario della Fnp Cisl, Bruno Zecchetto.

E a Messina? «Ci sono pensioni da fame. È un continuo accanirsi su chi paga le tasse ed è ingiusto. Questo è il primo segnale di protesta», ha aggiunto il sindacalista che ha organizzato la manifestazione con Giuseppe De Vardo della Uilp e Gaetano Santagati della Spi Cgil, ricevuti dal vice prefetto vicario, dott. Maria Carolina Ippolito, alla quale è stata consegnata una lettera per illustrare ragioni e richieste: «Non accettiamo che il governo consideri i pensionati come una cassa. Molte famiglie vivono con il reddito minimo dei pensionati e su loro - ha affermato De Vardo - non può gravare anche lo Stato».

L'articolo completo sull'edizione odierna di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X