Martedì, 27 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Ganzirri diventa set, il giovane regista messinese Giovanni Giuffrè gira "Tempo di Vita"
CIAK

Ganzirri diventa set, il giovane regista messinese Giovanni Giuffrè gira "Tempo di Vita"

“Tempo di Vita” narra una storia d’amore mai dimenticata, uno scorcio di vita vissuta che invade i pensieri del protagonista grazie ad una vecchia foto, ed è subito trasporto

Alla presenza dell’assessore agli Spettacoli e Grandi Eventi Cittadini Francesco Gallo, è stato illustrato oggi a Palazzo Zanca, patrocinato dall’Amministrazione Comunale, il cortometraggio “Tempo di Vita” del giovane attore e neo regista messinese Giovanni Giuffrè.

Hanno preso parte tra gli altri rappresentanti del cast e tra questi Alice Carbonaro e Caterina Oteri protagoniste del corto, insieme allo stesso Giuffrè. Si tratta di un progetto cinematografico a tema sociale che interesserà il territorio siciliano e in particolare la città di Messina.

La parte principale delle riprese sarà realizzata domani, venerdì 10, a Ganzirri, lungo il tragitto dove sorge la torre medievale risalente all’epoca saracena. L’Assessore Gallo, intervenuto in apertura della presentazione, nel complimentarsi con l’attore e regista Giuffrè, ha evidenziato di avere condiviso celermente il progetto cinematografico in quanto “ho apprezzato, nonostante la giovanissima età, i contenuti, l’entusiasmo, la voglia di fare e la passione, elementi che rappresentano un segno di speranza e di volontà; da genitore, oltre che da amministratore, sono stato orgoglioso di avere promosso l’iniziativa”.

Il cortometraggio ha proseguito Giuffrè, che ha ringraziato l’assessore Gallo e il Sindaco De Luca, “da sempre vicino alle iniziative dei giovani, è finalizzato a mettere in risalto i borghi messinesi, rappresentando la bellezza della Sicilia nella sua genuinità attraverso la narrazione dei temi relativi alla purezza giovanile, l’amore genuino e l’universale contrasto tra vecchiaia e giovinezza. ‘Tempo di vita’, mia prima opera da regista, è un progetto innovativo che mette in risalto la Sicilia degli anni ’70. Completato l’iter delle riprese e del montaggio, il corto sarà iscritto ai più importanti Festival nazionali e internazionali del cinema e dei cortometraggi”.

“Tempo di Vita” narra una storia d’amore mai dimenticata, uno scorcio di vita vissuta che invade i pensieri del protagonista grazie ad una vecchia foto, ed è subito trasporto. È la storia di Grazia, donna siciliana, che in un giorno novembrino, immersa nel suo abbandono rivive la sua tormentata passione giovanile. I borghi messinesi fanno da sfondo al suo ricordo, facendo assaporare la purezza e la genuinità della Sicilia di un tempo attraverso la mente che funge da tempio dei ricordi nell’infinito contrasto tra presente e passato, vecchiaia e giovinezza.

Giuffrè nato a Messina, all’età di 19 anni, conclusi gli studi liceali, lascia la città natale per recarsi nella capitale, dove inizia la sua formazione cinematografica in una accademia cine-televisiva. Si avvia alla carriera, girando una sitcom con l’attore e regista Ennio Coltorti, successivamente partecipa al cortometraggio a tema sociale “Don’t be silent” qualificandosi al terzo posto nel Festival Internazionale del Cinema “Tulipani di seta nera”. Nel 2019 va in scena a Messina nello spettacolo “Resta in linea” da protagonista e nel luglio dello stesso anno gira a Scicli da figurante “Il commissario Montalbano”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook