Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Taobuk 2021, parla Andrè Aciman: l'amore che ci cambia, noi che cambiamo l'amore
IL FESTIVAL

Taobuk 2021, parla Andrè Aciman: l'amore che ci cambia, noi che cambiamo l'amore

di
L’amore e tutte le sue declinazioni. L’autore egiziano, da tempo naturalizzato statunitense, in collegamento con la giornalista Eleonora Lombardo, che ha conversato con lui di “Delicate metamorfosi dell’animo”, titolo dell’incontro

«Vado a ricercare negli altri parte del mio nodo interiore. Per esempio l’ironia per me è importante e la cerco nell’altro. Ma nell’amore allo stesso tempo ci piace essere sorpresi dal diverso da noi. Inoltre a me piace l’inizio difficile della relazione: a volte proviamo quasi un sentimento di ribrezzo quando incominciamo a sentire che dentro di noi inizia a muoversi un sentimento per l’altro perché è una sorta di difesa», parla così dell’amore e di tutte le sue declinazioni Andrè Aciman, l’autore egiziano, da tempo naturalizzato statunitense, in collegamento con la giornalista Eleonora Lombardo, che ha conversato con lui di “Delicate metamorfosi dell’animo”, titolo dell’incontro.

È ancora l’estate, metafora fondante della gioventù e dell’amore, la grande protagonista di “L’ultima estate”, il romanzo di Aciman recentemente pubblicato da Guanda. Dopo “Cercami” e “Chiamami col tuo nome” (divenuto un fortunato film di Luca Guadagnino), entrambi Guanda nell’edizione italiana, le intermittenze proustiane del cuore (e di Proust Aciman è studioso e profondo conoscitore) e i misteri dell’amore sono raccontati con cifra lieve per chiederci, proprio come fece Ovidio, con il fascino del racconto e dell’immaginario, chi siamo, come diventiamo, per riflettere sull’identità, per osservare le nostre pulsioni e le nostre passioni e guardare criticamente alla illusoria definitività di ciò che è e si è.

Quella provvisorietà tutta mortale (e così ci definivano gli antichi) che i miti archetipici ovidiani squadernano in un metaforico scenario che adombra il nostro mondo attuale con la sua complessità. «La gente che vuole impadronirsi di un’unica identità mi preoccupa moltissimo – ha detto lo scrittore – , io non credo alle identità fisse, tutto è diventato fluido» e così anche il discorso amoroso con le sue cadenze d’inganno.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook