Giovedì, 06 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Mume20Off, a Messina via al terzo appuntamento con "Terra di Rosa – Vite di Rosa Balistreri"
LA RASSEGNA

Mume20Off, a Messina via al terzo appuntamento con "Terra di Rosa – Vite di Rosa Balistreri"

Prosegue la rassegna teatrale Mume20Off al Giardino del Museo Regionale di Messina. Questa sera andrà in scena il terzo appuntamento con il pluripremiato "Terra di Rosa – Vite di Rosa Balistreri".

Lo spettacolo nasce dall’incontro con Rosa Balistreri, figura decisiva del folk siciliano degli anni ‘70, e racconta la terra di una bambina che diventa donna e che da quella terra sente il bisogno di staccarsi, ma allo stesso tempo non ne può fare a meno. Un’unica terra dalla quale non si parte mai del tutto.

Rosa imparerà a leggere e scrivere a ventidue anni per non essere più schiava. Canterà di liberazione e rivoluzione, facendo risuonare il suo canto per tutta la Sicilia, come un urlo. Con la sua voce girerà il mondo, tenendo i piedi sempre ben piantati nella sua terra d’origine, per non perdere mai il contatto con la vita, difficile, aspra, appassionata. E sarà vita non come vermi sotto terra, ma alla luce del sole.

La Cantatrice del Sud. Così, profeticamente, definì Rosa Balistreri lo scrittore siciliano Ignazio Buttitta. E così è riconosciuta oggi Rosa in tutto il mondo. A lei il merito di essere tra i grandi protagonisti della riscoperta della canzone popolare siciliana. Povera e orgogliosa, varcò i confini in cerca di fortuna, imparò a prendere una chitarra in mano e a gridare in faccia a tutti quello che pensava. Cantava nei campi, in mezzo alla terra, sin da piccola Rosa, tra un raccolto e l’altro. Cantava, e il marito la picchiava e gli uomini abusavano di lei. Cantava e cresceva Rosa, nella sua Licata mafiosa e fascista. Una vita sempre in prima linea, senza cedere mai, scontrandosi e pagando di persona, il suo tempo e le sue regole, ma credendo fermamente nell’amore, crudele indispensabile motore di una vita. “Vogliu spaccari, spaccari li cieli pì fari chioviri, chioviri amuri”. Amore per la sua terra bella e amara, in cui le donne dovevano (e devono, purtroppo ancora oggi) restare al loro posto.

Rosa non si è mai adeguata, non ha mai incarnato il ruolo che famiglia e società avevano fissato per lei. E il suo canto le resterà appiccicato fino alla fine. “Canto e cuntu, cuntu e canto, pi nun perdiri lu cuntu”. Cantare per non dimenticare il racconto, cantare per ricordare.

Terra di Rosa -  Vite di Rosa Balistreri è scritto e diretto da Tiziana Francesca Vaccaro. Lo spettacolo è vincitore del premio del pubblico Ermo Colle 2018, della Rassegna Stazioni d'emergenza 2017 IX edizione - Napoli, del concorso TeatrOfficina 2016 per compagnie e artisti emergenti. Ha ricevuto una menzione speciale al festival TAGAD'OFF 2016 - Festival della nuova drammaturgia lombarda ed è finalista al premio Teatro voce della società giovanile 2016 e semifinalista al premio Cassino OFF 2016 - Festival del Teatro civile.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook