Lunedì, 26 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL ROMANZO

Una messinese candidata al premio Strega, Nadia Terranova in corsa con "Addio fantasmi"

di
addio fantasmi, premio strega, Nadia Terranova, Messina, Sicilia, Cultura
Nadia Terranova

Siamo stati i primi a scriverlo, sulle pagine della Gazzetta del Sud – e lo rivendichiamo con orgoglio –, il giorno stesso in cui il libro è uscito, il 25 settembre scorso: di “Addio fantasmi” (Einaudi), il secondo romanzo della scrittrice messinese Nadia Terranova, sentiremo parlare a lungo. In questi mesi il libro è andato dappertutto: dalle pagine di giornali e riviste, con recensioni entusiastiche e brillanti presentazioni, agli affollatissimi incontri coi lettori di ogni parte d’Italia. Ora è approdato dove – a nostro avviso – doveva proprio approdare: il Premio Strega.

Precisiamo subito: non abbiamo molta simpatia per i carrozzoni dei premi, e la nube velenosa che aleggia da sempre attorno allo Strega e tutto il fastidioso gossip che lo precede e lo accompagna ce lo rendono ancora meno simpatico. Ma resta la più importante vetrina per la narrativa italiana contemporanea, e Nadia Terranova se la merita tutta.

Proprio ieri la candidatura del suo romanzo è stata avanzata da uno degli “Amici della domenica”, Pierluigi Battista. La raccolta dei “candidati” – tra i quali il Comitato direttivo del premio sceglierà la dodicina dei concorrenti – finirà il 7 marzo.

Il romanzo, ambientato a Messina, racconta i pochi giorni in cui la quasi quarantenne Ida – andata via dalla città anni prima, come molti meridionali – è costretta a tornare in riva allo Stretto per una di quelle dolorose operazioni che mettono in gioco tutto il tessuto simbolico di relazioni con i luoghi, le persone, il passato: svuotare la casa materna, che deve essere ristrutturata e poi venduta. Sarà un corpo a corpo coi “fantasmi”, primo fra tutti il più potente e persistente: il padre, scomparso nel nulla anni prima.

Con una scrittura alta e nitida, una limpida e lancinante capacità di mettere a fuoco i sentimenti più ambigui, Nadia Terranova traccia un percorso di possibile sopravvivenza (e «ai sopravvissuti» è dedicato il libro) attraverso l’esplorazione delle ferite e il resoconto delle perdite, attraverso l’evocazione delle assenze che è il primo passo per l’esorcismo necessario nei confronti dei “fantasmi” che ci assediano.

E lo scenario è una città sorprendente, di cui si coglie l’identità cangiante, bifronte, di continuo contrasto tra caos e bellezza: un personaggio tra gli altri, di luminoso, spaventoso fascino. Nadia Terranova è una delle voci più importanti e necessarie di oggi, e siamo felici che anche questa candidatura (oltre all’amore incondizionato dei lettori) lo certifichi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook