Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
TEATRO

Il meraviglioso mondo di Aurélia: magia e sogno al Vittorio Emanuele di Messina

di
campanelli e incantesimi, teatro vittorio emanuele, Aurelia Thierrée, Messina, Sicilia, Cultura
Aurelia Thierrée nei panni di un'inguaribile cleptomane

La magia del circo per il primo appuntamento del 2019 con la stagione di Prosa del Vittorio Emanuele. Per il secondo appuntamento in cartellone spazio alla magia e al sogno, con lo spettacolo “Bells & Spells- Campanelli e incantesimi” in programma da venerdì sino a domenica, con repliche domani e sabato alle 21 e domenica alle 17.30.

Lo spettacolo è ideato e diretto da Victoria Thierrée Chaplin con Aurélia Thierrée e Jaime Martinez e verrà proposto in sostituzione de “Le cirque invisible”. Per gravi motivi di salute, infatti, il protagonista dello spettacolo previsto inizialmente, l’attore e scrittore francese, grande artista circense, Jean Baptiste Thierrée, è stato costretto ad annullare la tournée internazionale.

Sul palco del Vittorio Emanuele arriverà invece Aurelia Thierrée, (la figlia di Jean Baptiste), agile e sinuosa per accompagnare il pubblico tra sogni, incubi, visioni, mondi fantastici possibili grazie alla magia del circo e del teatro, per uno spettacolo che vede alla regia la madre Victoria Chaplin, la settima figlia del grande Charlie Chaplin.

Da Mosca a Lione, lo spettacolo è approdato la scorsa estate in Italia a Spoleto in occasione del Festival dei Due Mondi, regalando stupore e meraviglia. Una performance di teatro-circo in cui tradizione e innovazione convivono magicamente, attingendo ai saperi di una famiglia di artisti di enorme talento. Aurélia Thierrée, nei panni di una inguaribile cleptomane, si ritrova improvvisamente in balia degli oggetti di cui cerca di impadronirsi.

Meccanismi improbabili, strani incontri, carillon impazziti e mille altre sorprese in un continuo e imprevedibile gioco teatrale. “Bells and spells” è un viaggio tra meraviglia e circo, in un atto unico, per un susseguirsi di scene che fluttuano e si muovono in autonomia sul palco. Ritmo incalzante, in una cornice onirica in cui tutto si trasforma e diventa possibile. Aurélia e Jaime Martinez presentano una performance senza interruzioni con una lista di oggetti di scena ricorrenti e un set in trasformazione continua.

Sul palco può accadere di tutto: sedie che si muovono da sole, una poltrona onnipresente in tutte le posizioni e per tutti gli utilizzi, pareti che si aprono e si chiudono cambiando continuamente scena e ingoiando e restituendo personaggi sempre diversi, ma dentro alla stessa storia, quadri che prendono vita, una porta girevole, che entra ed esce da sola in scena, a supporto degli abili trasformisti.

Così “Bells and Spells” tesse il suo strano e fascinoso mondo, costruisce mondi fantastici grazie alle scenografia e costumi di Victoria Thierrée Chaplin, le coreografia sono di Armando Santin. Continua fino a giovedì 10 gennaio invece la campagna abbonamenti per la stagione di Musica 2018/2019.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook