Mercoledì, 01 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Dallo Stretto alla Svizzera, la storia dell'enfant prodige della neuroradiologia di Messina
MEDICO H24

Dallo Stretto alla Svizzera, la storia dell'enfant prodige della neuroradiologia di Messina

di

Chi lo ha conosciuto e ci ha lavorato fianco a fianco racconta che Gianmarco Bernava, medico curioso e instancabile, annotava pazientemente qualsiasi cosa che potesse essergli utile per la sua carriera, come lo studioso vorace che trae dai suoi appunti la linfa per operare bene. E oggi, a trentaquattro anni, con i passi felpati e l' umiltà di chi non si sente mai arrivato, è considerato un “enfant prodige” della Neuroradiologia.

Infatti, si è realizzato pienamente all’Ospedale universitario di Ginevra, in Svizzera. «All’inizio – racconta – volevo fare il pompiere, poi l' avvocato, e infine il pilota di aerei, anche se credevo che non sarebbe stato possibile per i problemi di vista. Poi ho capito che mi sarebbe piaciuto salvare vite e lavorare nell' ambito dell' emergenza-urgenza. Sono stato pure fortunato perché ho trovato un ramo che mi ha appassionato dal primo giorno di università».

La versione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione della Gazzetta del Sud - edizione di Messina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook