Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Milazzo, il “cambio di corsia” e le maxi multe. L’esecutivo ne chiede l’annullamento
IL CASO

Milazzo, il “cambio di corsia” e le maxi multe. L’esecutivo ne chiede l’annullamento

Messina, Cronaca
Giuseppe Puleo

Annullare in autotutela le multe elevate per il cambio di corsia, mantenendo solo quelle che sanzionano il passaggio col rosso al semaforo di via Livatino, incrocio con piazzale Tusa.
È quanto chiede in un atto di indirizzo votato ieri in modo unanime la Giunta Midili al comando di Polizia locale per superare il corto circuito determinato dalle migliaia di infrazioni rilevate e contestate agli automobilisti da luglio ad ottobre.
Nello specifico si chiede di «intervenire con immediatezza valutando ponderatamente l’annullamento in autotutela dei verbali emessi per errata canalizzazione e per i quali è stata applicata la sanzione prevista dall’art. 146 comma 3 del codice della strada (passaggio con il rosso)» e si invita la stessa comandante «al fine di rivalutare l’utilizzo corretto dell’apparecchiatura “Autostop Hd” (così viene denominato il photored), di sospenderne l’utilizzo e di sospendere anche l’invio di ulteriori verbali riguardanti la fattispecie di errata canalizzazione». Nella delibera l’Amministrazione Midili si riserva «ulteriori provvedimenti per garantire equità di applicazione soprattutto con riferimento alla decurtazione dei punti».
In buona sostanza l’Esecutivo ha voluto fare chiarezza su una questione che da settimane registra forti polemiche in città specificando che l’installazione autorizzata lo scorso aprile con un altro atto di indirizzo dell’apparecchiatura, era finalizzata solo a sanzionare il passaggio delle auto al semaforo, con il rosso. E – viene sottolineato – l’Autostop Hd era omologato dal Ministero esclusivamente per ciò.
«Basta leggere quella delibera – evidenzia il sindaco Pippo Midili – per comprendere chiaramente che tale atto era rivolto a rilevare in maniera automatizzata solo le infrazioni per passaggio con semaforo rosso e che i fotogrammi delle strumentazioni utilizzate, pure debitamente omologate ed autorizzate dal ministero dei Trasporti, rappresentano fonte di prova. E proprio attraverso la visione di tali fotogrammi, numerosi automobilisti hanno rappresentato l’errata applicazione del comma 3 dell’art. 146 del codice della strada, anziché semmai l’applicazione della norma che sanziona l’errata canalizzazione agli impianti semaforici». Prima del provvedimento di ieri il sindaco, l’assessore alla viabilità e il segretario generale, alla luce anche delle rimostranze degli automobilisti destinatari della multa (ben 185 euro e soprattutto la decurtazione di 6 punti dalla patente di guida), avevano chiesto – già lo scorso 13 ottobre – e successivamente il 27 ottobre – alla comandante della Polizia locale di sospendere l’uso dell’apparecchiatura in questione proprio al fine di verificare con attenzione la correttezza della procedura applicata ed in attesa di chiarire meglio tutti gli aspetti legali alle infrazioni rilevate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook