Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, il ritorno degli ex collaboratori. Otto condanne diventano definitive
IN CASSAZIONE

Messina, il ritorno degli ex collaboratori. Otto condanne diventano definitive

di
L’operazione “Predominio” della Dda e della Squadra Mobile. Le pene più dure: 15 anni a Galletta e 10 anni a Pietropaolo

Diventano definitive otto condanne, dopo il passaggio in Cassazione, per l’operazione “Predominio” sul ritorno in città di alcuni ex collaboratori di giustizia, che avrebbero voluto riallacciare i contatti con la criminalità organizzata, cercando di riprendere il controllo del territorio.
A decidere è stata la prima sezione penale, che complessivamente ha deciso due rinvii parziali, cinque inammissibilità e quattro rigetti.
Ecco il dettaglio: per Antonino Stracuzzi e Orazio Bellissima si dovrà rifare il processo davanti alla corte d’appello di Messina ma solo limitatamente alla valutazione dell’applicazione delle attenuanti generiche; i giudici hanno poi dichiarato inammissibile il ricorso del procuratore generale di Messina, che rispetto alla sentenza della corte d’appello dell’ottobre 2021 aveva contestato alcune assoluzioni relative al traffico di stupefacenti; sono stati dichiarati inammissibili anche i ricorsi presentati da Nicola Galletta, Alberto Alleruzzo, Giuseppe Selvaggio e Vincenzo Barbera; infine sono stati rigettati i ricorsi presentati da Angelo Arrigo, Giuseppe Cutè, Cosimo Maceli e Pasquale Pietropaolo.
Per effetto di queste decisioni da ieri sono divenute definitive le condanne inflitte in appello nell’ottobre del 2021 a carico di Nicola Galletta (15 anni), Alberto Alleruzzo (2 anni), Giuseppe Selvaggio (3 anni), Vincenzo Barbera (6 anni), Angelo Arrigo (7 anni), Giuseppe Cutè (6 anni), Cosimo Maceli (7 anni) e Pasquale Pietropaolo (10 anni).
L’operazione antimafia “Predominio”, sul ritorno in città di alcuni ex pentiti, intenzionati a riprendere in mano le redini della criminalità organizzata, è stata gestita a suo tempo dai sostituti della Dda Maria Pellegrino e Liliana Todaro con la Squadra Mobile. Al centro estorsioni e traffico di droga nel rione di Giostra, dopo una riorganizzazione sul territorio di alcuni ex pentiti che avevano riallacciato i contatti con i gruppi di provenienza.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook