Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca “Rilancia Messina”, il nuovo welfare sociale
IL PROGRAMMA

“Rilancia Messina”, il nuovo welfare sociale

di
Viaggio tra gli spunti programmatici presentati dal sindaco Basile e dalla sua Giunta e oggetto di confronto con la città. Una “Casa della Salute” in ogni Quartiere, il “Budget di salute”, il recupero di immobili dismessi per famiglie in difficoltà e giovani coppie, la “cittadella dei diritti” all’ex Città del Ragazzo

“La persona al centro del Welfare”: è uno dei punti fondanti del capitolo “La città dei diritti e delle opportunità”, tra i principali spunti programmatici del “Rilancia Messina” che il sindaco Federico Basile ha presentato nella mattinata di lunedì a Palazzo Zanca. Cominciamo da qui il “viaggio” nella Messina 2022-2027.
«Una città policentrica attraverso il rafforzamento dei servizi di prossimità», la definisce l’Amministrazione comunale. «La solitudine delle relazioni è uno dei principali problemi che tocca la vita reale delle persone, trasversale ai generi e alle generazioni. Ecco perché – sottolinea il sindaco –, dobbiamo pensare e agire affinché ogni persona a Messina possa sentirsi una città accanto sia nei momenti di difficoltà che in quelli più belli. Continuare ad investire sulla qualità delle periferie e nelle zone dell’edilizia popolare rappresenta il futuro non il passato, la nuova sfida per rafforzare le relazioni nella comunità e migliorare la qualità della vita. Occorre creare nuove centralità urbane in ogni quartiere con la presenza del Servizio sociale territoriale (Sspt) per ricevere informazioni e orientamento sui servizi-interventi-prestazioni ad accesso diretto, pubblici e privati o del privato sociale e costruire, avvalendosi della professionalità dell'assistente sociale, progetti di sostegno specifici individuali e di gruppo in area sociale, educativa e assistenziale».
Viene considerata necessaria «la realizzazione per ciascuna Municipalità di una “Casa della Salute” dove raggiungere l’integrazione tra servizi socio-assistenziali e quelli socio-sanitari. ll digitale è stato un alleato indispensabile per la nostra vita durante la pandemia, sostenendoci nella costruzione della nostra nuova normalità. Occorre proseguire su questa strada in particolare modo puntando ad un sistema digitale che garantisca l’accessibilità per tutti e a tutti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook