Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Incendi, il sindaco di Milazzo obbliga i cittadini a ripulire i propri terreni abbandonati
PREVENZIONE

Incendi, il sindaco di Milazzo obbliga i cittadini a ripulire i propri terreni abbandonati

L'ordinanza non ha avuto effetto e il Comune addebiterà le spese sostenute e la sanzione prevista dalla legge
incendi, milazzo, Messina, Cronaca

L'ordinanza risale a due mesi addietro, ma i diretti interessati non hanno fatto nulla e di contro in alcune zone si sono registrati incendi. Così il sindaco di Milazzo, Pippo Midili, ha deciso di passare alle maniere forti e operare interventi sostitutivi con addebito delle spese sostenute oltre alla sanzione prevista dalla legge nei confronti dei proprietari di terreni incolti.

In particolare alla messa a nudo del terreno e al taglio di siepi, erbe e rami che si protendono sulle strade stesse, nonché alla immediata rimozione di tutti i residui derivanti da tale pulitura, depositandoli  -ove non sia possibile distruggerli - all’interno della proprietà a distanza di sicurezza non inferiore a 20 metri dal ciglio o dalla scarpata delle strade. Tale distanza dovrà essere raddoppiata lungo le linee ferroviarie, l’autostrada, l’asse viario e lungo gli stradali dove sono in corso lavori di stesura di asfalto.

I proprietari e/o conduttori di aree agricole non coltivate, aree verdi urbane incolte, i proprietari di villette e amministratori di stabili con aree a verde, di cantieri edili e stradali, di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali, dovranno provvedere a effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica, in particolar modo provvedendo alla estirpazione di sterpaglie e cespugli, nonché al taglio di siepi vive, di vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade e alla rimozione di rifiuti e quant’altro possa essere veicolo di incendio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook