Giovedì, 30 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, la tragica morte di Pina Guccione. Il ricordo commosso dei colleghi della Corte d'Appello
LA LETTERA

Messina, la tragica morte di Pina Guccione. Il ricordo commosso dei colleghi della Corte d'Appello

"Esprimere in così breve tempo a tutti voi chi fosse la dottoressa Guccione, la nostra Pina, è troppo riduttivo. La semplicità, il garbo, la pazienza infinita e la raffinatezza nei modi in primis erano una sua prerogativa. È stata la sua indubbia capacità a consentire l’ingresso di una donna nella stanza più autorevole della Corte di Appello. Ha faticato tanto Pina ad avere riconosciuta la professionalità e il ruolo che ha ricoperto fino alla fine sempre con il sorriso, con signorilità, umiltà e modestia: doti che la contraddistinguevano". E' quanto scrivono in una lettera ricordo i colleghi della Corte d'Appello di Messina dopo la tragica scomparsa della collega Pina Guccione.

"Era il suo sorriso che appariva di buon mattino e che ci accompagnava fino a sera quando, stanca di una giornata lavorativa, rientrava a casa con il suo zainetto in spalla e le sue cuffie che non abbandonava mai. Sì perché Pina non era solo quanto hanno descritto in questi giorni; era il direttore responsabile della Segreteria, diretta collaboratrice del presidente della Corte di Appello, nostro punto di riferimento, dei colleghi tutti e del distretto. Pina, sono stati il tuo forte senso del dovere e di responsabilità, la tua abnegazione per l’ufficio ad accompagnarti fino a ieri, giorno maledetto che ci ha privato della tua presenza. Nulla lasciava presagire che sarebbe stato l’ultimo giorno in cui avresti varcato l’ufficio a cui tanto ti sei dedicata.

Il nostro pensiero non può non rivolgersi ad Antonio, Laura e Marta, di cui Pina era tanto orgogliosa; a Italo, compagno di una vita, ai familiari tutti con i quali ci stringiamo di fronte a questo improvviso ed immenso dolore. Ti piaceva  - concludono - citare questo aforisma locale: “Chi nasce mappina non può morire foulard”; eppure cara amica e collega, sei stata per noi un raffinato foulard che si è spento in questo Palazzo di giustizia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook