Lunedì, 26 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, l’aggressore della riunione condominiale ai domiciliari in provincia
LA DECISIONE

Messina, l’aggressore della riunione condominiale ai domiciliari in provincia

di
Il gip lo ha scarcerato: andrà in una casa lontana dalla città con braccialetto elettronico

Arresti domiciliari con braccialetto elettronico in una casa della provincia tirrenica. Lontano da Messina e dalla sua vittima. È questa la decisione adottata dal gip Eugenio Fiorentino per il 65enne Carmelo Schirò, l’autore della violenta aggressione al professionista durante la riunione di condominio svoltasi il primo marzo scorso in uno studio professionale di via dei Mille, che dopo l’aggressione aveva poi presentato una dettagliata denuncia con il suo legale di fiducia, l’avvocato Daniela Agnello.
Era stato nei giorni scorsi il suo difensore, l’avvocato Salvatore Silvestro, a chiedere un alleggerimento della massima misura cautelare che fosse compatibile con la situazione geografico-logistica. Quindi il gip dopo aver acquisito il parere del magistrato che sta conducendo l’indagine della polizia, il pm Anita Siliotti ha deciso per una detenzione domiciliare lontano dalla città.
Dopo alcuni giorni passati in cella al carcere di Gazzi quindi Schirò, un passato nella destra estrema messinese, vede alleggerire la sua posizione cautelare, e tra qualche tempo dovrà però affrontare un processo con le accuse di stalking e lesioni, le accuse contestate dal pm Siliotti, per l’ordinaria follia durante la riunione condominiale; ma è anche in attesa di sapere come verrà valutato dalla Procura tutto il materiale di estrema destra sequestrato dagli investigatori della Digos nella sua abitazione all’atto dell’arresto. L’elenco è oggettivamente lunghissimo, tra busti, statue e quadri di Mussolini e Hitler, fasci littori di grandi dimensioni, stampe, gagliardetti, calendari, bandiere e poster del ventennio fascista e di Forza Nuova, cimeli delle SS, oltre ad una serie di libri e videocassette a tema. C’erano perfino un fez rosso (un caratteristico copricapo) delle Ss e un poster di Rudolf Hess, e tra i tanti volumi anche uno dal titolo “Putin l’uomo senza volto”.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook