Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, "affidamenti senza gare": nel mirino del Pd le spese milionarie dell'Università
L'INTERROGAZIONE

Messina, "affidamenti senza gare": nel mirino del Pd le spese milionarie dell'Università

Sotto la lente del Pd alcune delibere dell’Università che si caratterizzerebbero per la scelta diretta del contraente senza alcuna procedura ad evidenza pubblica. Immediata la replica del rettore Cuzzocrea.

Continua la guerra a distanza tra Pietro Navarra e Salvatore Cuzzocrea, l'ex rettore e colui che gli è subentrato. Una guerra senza esclusione di colpi. Il nuovo guanto di sfida è in un'interrogazione parlamentare, presentata dal gruppo del Pd. Non c'è la firma di Navarra, ma è evidente che il deputato messinese del Partito democratico sia l'ispiratore dell'atto rivolto al Governo, con il quale si chiede di fare chiarezza su alcuni aspetti riguardanti l'Università di Messina. L'ateneo peloritano, secondo quanto afferma nell'interrogazione Umberto Del Basso De Caro, "negli ultimi quattro mesi ha affidato lavori e forniture per un importo complessivo di quasi 40 milioni di euro".

Le delibere dell'Università "si caratterizzano per la scelta diretta del contraente senza alcuna procedura ad evidenza pubblica, per il ribasso praticato da tutti gli aggiudicatari nella stessa misura e, soprattutto, per il riferimento improprio, a parere degli interroganti, alla normativa introdotta dal Dl 76/2020 (articolo 2, comma 4). Tale disposizione normativa, la cui ratio è certamente rinvenibile nella necessità di incentivare gli investimenti pubblici in relazione all'aggiudicazione dei contratti pubblici sopra soglia, impedisce espressamente che l'ente appaltante possa derogare ai principi di trasparenza, di libera concorrenza, di non discriminazione previsti dagli artt. 18, 57, 58, 59 della Direttiva dell'Unione europea". Ai ministri delle Infrastrutture e dell'Università, i deputati del pd chiedono di sapere "se siano a conoscenza delle procedure adottate per gli affidamenti diretti plurimilionari da parte dell'Università di Messina, se intendano disporre ulteriori elementi conoscitivi e se, all'esito di una compiuta istruttoria, ritengano opportuno e doveroso adottare iniziative, per quanto di competenza, per far luce sull'intera vicenda che, ad avviso degli interroganti, integra profili di responsabilità amministrativa, contabile e penale".

Immediata e lapidaria la replica del rettore Salvatore Cuzzocrea: "Tutti gli atti dell'amministrazione universitaria sono stati espletati nel pieno rispetto della legge e delle indicazioni dell'Anac in materia di anti-corruzione. Abbiamo stipulato un recente accordo con la guardia di finanza proprio per assicurare a tutti gli atti il profilo della massima trasparenza. Le carte ai ministri, se sono interessati, gliele faremo pervenire noi. Siamo sereni e consapevoli di avere avviato una serie di progetti e di investimenti per il bene della città. Resta l'amarezza per l'ennesimo atto, esclusivamente politico, diretto contro l'Università e la città di Messina".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook