Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Barcellona, i casi di concussione ai danni dell’Aias. Chieste condanne per D’Amico e Grasso
IL PROCESSO

Barcellona, i casi di concussione ai danni dell’Aias. Chieste condanne per D’Amico e Grasso

di
Le “bustarelle” denunciate dal commercialista Luigi La Rosa. Per Sanzarello e gli altri imputati il pm sollecita la prescrizione

Resta in piedi ben poco del troncone processuale della vicenda Aias in corso di definizione davanti al tribunale di Barcellona, una storia di bustarelle denunciata dell’ex presidente dell’associazione, il commercialista barcellonese Luigi La Rosa.
Con il passare del tempo, e siamo ancora al primo grado, la prescrizione potrebbe cancellare quasi tutto. Intanto ieri davanti al collegio del Tribunale di Barcellona presieduto dal giudice Antonino Orifici è stato il giorno dell’accusa, e sono anche cominciate le arringhe difensive, poi tutto è stato aggiornato al 19 gennaio prossimo.
Nel procedimento sono imputati con l’ipotesi di concussione in concorso, politici ed ex dirigenti regionali e nazionali dell’Aias. Si tratta dell’ex deputato europeo ed ex assessore regionale alla Sanità Sebastiano Sanzarello, attuale sindaco di Mistretta, dell’ex assessore provinciale ed ex dirigente del Comune di Barcellona Natale D’Amico, dell’ex presidente nazionale dell’Aias Francesco Lo Trovato, dell’ex commissario della sezione di Milazzo e revisore dei conti dell’Aias Giuseppe Grasso, e infine dell’ex commissario straordinario della sezione di Barcellona, Sergio Lo Trovato.

Leggi l'articolo completo  sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook