Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, l’emergenza abitativa non si limita alle baracche
IL CONGRESSO

Messina, l’emergenza abitativa non si limita alle baracche

di
Dal Congresso dell’Unione inquilini un drammatico “sos”. C’è una fascia enorme di precari della casa»

«Una grande coalizione per il diritto all’abitare che metta in relazione i sindacati inquilini, le associazioni, i movimenti e i partiti politici che hanno a cuore le sorti dei precari della casa che, a causa di questa tragica crisi pandemica, sono drammaticamente in aumento». A proporla è l’Unione inquilini di Messina che ha celebrato il suo terzo Congresso, in vista della XVI assise nazionale. La città dello Stretto si trova come se fosse “sospesa” tra una perdurante emergenza abitativa e un momento storico in cui, mai come in passato, ci sono, e ci saranno, risorse da investire sulle politiche della Casa, e non solo sul fronte della legge speciale per lo sbaraccamento.

«L’asse su cui intendiamo muoverci – ha spiegato il riconfermato segretario provinciale Gianmarco Sposito – è quello del potenziamento dell’edilizia residenziale pubblica, però realizzata in maniera del tutto nuova rispetto ai classici interventi del passato: più case popolari realizzate attraverso il riuso e il recupero del patrimonio pubblico e privato abbandonato». Al centro del dibattito, oltre al tema della cedolare secca per il libero mercato delle locazioni (l’Unione inquilini ne chiede l’abolizione), anche il cosiddettto “social housing all’italiana”. Durissimo il giudizio: «Di social c'è rimasto ben poco, l’housing ha favorito nel tempo principalmente i soggetti attuatori piuttosto che gli inquilini». Ma i fari sono stati puntati sulle questioni generali: «L'assenza trentennale di politiche strategiche nazionali sul diritto all'abitare ha prodotto effetti negativi sui territori. Nella città di Messina, ad esempio, solo 25 alloggi sono stati inseriti nel bando comunale del 2018 per le assegnazioni delle case popolari a fronte di circa 700 domande. Questo inaccettabile squilibrio fotografa il fallimento dello Stato, in tutte le sue articolazioni, sulle politiche per la Casa».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook