Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I matrimoni “combinati” a Messina, in 40 davanti al gip
ZIFAF

I matrimoni “combinati” a Messina, in 40 davanti al gip

di
L’operazione effettuata dalla Dda e dalla Guardia di Finanza
matrimoni combinati, messina, udienza preliminare, Messina, Cronaca
Operazione Zifaf a Messina - matrimoni_combinati

Approda davanti al giudice per l’udienza preliminare l’inchiesta denominata “Zifaf”, condotta dalla Distrettuale antimafia e dal Gico della Guardia di Finanza, che nel dicembre del 2020 dopo mesi di accertamenti ha permesso di far luce su un consolidato sistema illegale per l’organizzazione di falsi matrimoni tra italiani e stranieri, con marocchini, algerini e tunisini. I riti avevano lo scopo di far conseguire la carta di soggiorno per motivi di famiglia, essenziale per l’ingresso e la permanenza in Italia, oppure per “sanare” la posizione degli extracomunitari che avevano subito decreti di espulsione dall’Italia. L’indagine ha smantellato due organizzazioni criminali che operavano tra il Marocco e l’Italia, dedite al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina attraverso l’organizzazione di matrimoni fittizi. A dicembre la Finanza eseguì 16 arresti, 6 in carcere e 10 ai domiciliari. Il provvedimento riguardò promotori e membri dei due gruppi, con base a Messina. Gli arresti furono eseguiti tra Messina, Catania, Bergamo, Torino e Francoforte sul Meno.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook