Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Green pass, all’Università di Messina c’è chi dice no
CORONAVIRUS

Green pass, all’Università di Messina c’è chi dice no

di
Ci sono anche 8 docenti dell’Ateneo messinese tra i primi 150 (ma il numero è cresciuto) che in tutta Italia hanno sottoscritto un manifesto. Caroniti: «Ecco perché ho firmato». Il rettore: «Non è il momento di discussioni ideologiche»

All’Università di Messina (e non solo) c’è una nuova "facoltà". La facoltà... di libera scelta. E di dire no al Green pass. Ci sono anche otto docenti messinesi tra i primi 150 firmatari (ma le sottoscrizioni sarebbero arrivate a circa 300) del manifesto nazionale col quale i professori universitari dicono no alla certificazione verde per accedere negli Atenei. Un numero piuttosto basso, se si considera che, secondo il Miur, nell’anno accademico 2019-2020 era di quasi 70 mila il totale tra professori ordinari, associati, ricercatori e titolari di assegni di ricerca. Ma che fa comunque discutere, perché si tratta di uomini di scienza, seppur di svariate discipline, disposti a metterci la faccia – e la firma – per opporsi allo strumento principe varato dal Governo italiano per convincere gli indecisi a vaccinarsi contro il Covid-19. Il manifesto è un no alla «discriminazione» e chi lo ha firmato ritiene che «si debba preservare la libertà di scelta di tutti e favorire l’inclusione paritaria, in ogni sua forma. Nella situazione attuale, o si subisce il Green pass, oppure si viene esclusi dalla possibilità di frequentare le aule universitarie e, nel caso dei docenti, si è sospesi dall’insegnamento: tutto questo viola quei diritti di studio e formazione che sono garantiti dalla Costituzione e rappresenta un pericoloso precedente».
Gli otto messinesi, tra docenti e ricercatori, sono Dario Caroniti e Daniele Tranchida (Scienze politiche e giuridiche), Antonella Arena (Ingegneria), Dino Costa, Mauro Federico e Alessandro Tripodo (Scienze matematiche e informatiche, scienze fisiche e scienze della terra), Pier Luca Marzo (Scienze cognitive, psicologiche, pedagogiche e degli studi culturali), Francesco Parisi (Civiltà antiche e moderne). Nessuno di loro appartiene a dipartimenti sanitari

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook