Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ecoporto di Milazzo: Midili e Romagnolo spiegano il “no” definitivo
PROPOSTA ARCHIVIATA

Ecoporto di Milazzo: Midili e Romagnolo spiegano il “no” definitivo

Si chiude il confronto sull’infrastruttura galleggiante proposta dalla Cisvam per il tratto di mare davanti a Marina Garibaldi

Si chiude definitivamente la pagina dell’Ecoporto, suggestiva opera presentata circa cinque anni addietro in un convegno a palazzo D’Amico ma di fatto mai decollata. Un’opera che ha diviso la città, anche per l’assenza di un progetto e che la società proponente, la Cisvam era intenzionata a realizzare con fondi privati nello specchio d’acqua antistante alla marina Garibaldi. Tante dichiarazioni di intenti, ma un iter burocratico di fatto mai iniziato e così è arrivata la comunicazione dell’attuale Amministrazione che ufficialmente dice di non essere interessata a questo tipo di infrastruttura. Lo ha fatto ieri rispondendo con una nota ufficiale a firma del sindaco Pippo Midili e dell’assessore ai lavori pubblici Santi Romagnolo ad una lettera presentata dal presidente del Cisvam, Francesco Signorello con la quale sostanzialmente si rinnovava la manifestazione di interesse già formulata nel maggio del 2016, per la realizzazione di un Ecoporto galleggiante, comunicando le motivazioni per le quali l’iniziativa non rientra negli intendimenti dell’Amministrazione.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook