Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tari a Messina, tagliati 32 posti e scatta la “cassa”
L'INTERVENTO

Tari a Messina, tagliati 32 posti e scatta la “cassa”

di
Dopo il ko in Aula del nuovo piano tariffario (+9% medio), il Comune per salvare Messina Servizi riduce il personale

La sfida politica, oramai senza quartiere, esce dal Palazzo e consuma i suoi effetti sui messinesi. Dopo il voto che ha bocciato il piano tariffario presentato dall’Amministrazione, confermando a Messina Servizi il budget dello scorso anno ( 48 milioni a fronte dei 54 richiesti), Cateno De Luca ha reagito rivedendo i conti dell’azienda partecipata con una serie di tagli che pesano per lo più sulla voce occupazione. Non un fulmine a ciel sereno perché in più occasioni gli assessori Musolino e Previti avevano indicato quel capitolo (vale il 65% del bilancio di Messina Servizi) come il primo a cui si sarebbe attinto per ridurre le spese. E così è stato. Chi sperava che, un’analisi più accurata dei conti potesse portare ad altre sforbiciate, è rimasto deluso. Per garantire che Messina Servizi non chiuda l’anno in passivo e che le nuove voci obbligatorie di spesa ( dalla gestione delle discariche post mortem, al fondo crediti di dubbia esigibilità) siano onorate, l’assemblea del Socio unico della Messinaservizi, cioè il Comune stesso, ha deliberato di adottare «ogni provvedimento necessario per rimodulare la spesa contenendola entro il limite del corrispettivo dell’anno 2020».

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook