Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Uil Messina e Uil Fpl sul Centro Nemo: "Tragedia sociale. L'assessore Razza non perda tempo"
SINDACATI

Uil Messina e Uil Fpl sul Centro Nemo: "Tragedia sociale. L'assessore Razza non perda tempo"

I segretari Ivan Tripodi e Giuseppe Calapai sono tornati sulla questione della chiusura che considerano "un’evidente interruzione del pubblico servizio e delle attività assistenziali"
messina, nemo sud, sindacati, Messina, Cronaca
Nemo Sud Messina

“Come volevasi dimostrare, a pochi giorni dalla forzata e inaccettabile chiusura del Centro Nemo di Messina, emerge inequivocabilmente e nella sua drammatica crudezza un’evidente interruzione del pubblico servizio e delle attività assistenziali a favore dei pazienti affetti da gravi patologie neuromuscolari (sla, sma, distrofie) che venivano svolte dai lavoratori del Centro altamente professionalizzati. Le disperate grida di allarme lanciate in queste ore dalla figlia di una paziente, che sarebbe cerebralmente morta nei giorni scorsi, il drammatico appello di un ammalato di Patti, che ha annunciato l’avvio dello sciopero della fame, ai quali si aggiunge la pesante denuncia della mamma del piccolo Peter, evidenziano in maniera macroscopica l’assoluta urgenza di risolvere rapidamente la vertenza del Centro Nemo: una vertenza sanitaria e sociale che sta pesantemente scuotendo e indignando le coscienze dei cittadini“ lo hanno dichiarato Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina, e Giuseppe Calapai, segretario generale Uil Fpl.

”L’assessore Razza non può rimanere sordo al grido d’allarme lanciato dai pazienti e dai loro familiari rispetto a una vicenda che sta assumendo, sempre più, i contorni di una immane tragedia umana che si coniuga con il concreto rischio della perdita del posto di lavoro per i 55 professionisti del Centro Nemo. E’ indispensabile, pertanto, che l’assessore Razza, come si è impegnato nel recente incontro con la nostra organizzazione sindacale, risolva la vicenda in tempi brevissimi e in maniera definitiva - hanno concluso Tripodi e Calapai - poiché le cure dei pazienti neuromuscolari non possono assolutamente essere rinviate”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook