Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo all’untore Hiv per la morte della compagna a Messina, una testimone chiede di essere risentita
CORTE D'ASSISE

Processo all’untore Hiv per la morte della compagna a Messina, una testimone chiede di essere risentita

di
La difesa presenta nuovi atti, smentendo clamorosamente proprio quella testimone da risentire, sul tempo del contagio
compagna morta, messina, untore hiv, Luigi De Domenico, Messina, Cronaca
Il Tribunale di Messina

Una testimone che ha già deposto in aula ma ha chiesto di essere ascoltata nuovamente da giudici e giurati. Il difensore dell’imputato che presenta nuovi atti, smentendo clamorosamente proprio quella testimone da risentire, sul tempo del contagio. Non è stata un’udienza di routine quella nel processo a carico del 56enne Luigi De Domenico, il cosiddetto “untore” sieropositivo accusato di omicidio aggravato per il decesso dell’avvocatessa messinese S.G., che morì per Aids conclamato nel luglio del 2017 a soli 45 anni. Secondo la Procura l’uomo non le rivelò mai la sua sieropositività, la donna fu curata male e morì dopo atroci sofferenze. L’uomo è ora accusato di omicidio aggravato (la morte della sua ex compagna a Messina) e lesioni gravissime (la malattia contratta da un’altra compagna, in un’altra città, a Verona).

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook