Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Non ci sono pediatri: cinque comuni messinesi in protesta
SANITA'

Non ci sono pediatri: cinque comuni messinesi in protesta

Si tratta dei centri di Cesarò, Santa Domenica Vittoria, San Teodoro, Malvagna, Moio Alcantara e Roccella Valdemone

Da alcuni mesi in cinque comuni dell’entroterra messinese, montani e agricoli, manca il medico pediatra di base. Infatti, quello che c'era è stato trasferito e mai più rimpiazzato.

Non sono state sufficienti le numerose azioni di protesta condotte dai sindaci dei comuni interessati, Valentina Costantino, sindaco di San Teodoro, Salvatore Calì, sindaco di Cesarò, Giuseppe Patorniti, sindaco di Santa Domenica Vittoria, Nino Panebianco, sindaco di Malvagna, Bruno Pennisi, sindaco di Moio Alcantara, e Giuseppe Sparta, sindaco di Roccella Valdemone. «L'Asp di Messina - spiega Valentina Costantino - ha comunicato che non è previsto l’arrivo di un sostituto pediatra perché la zona viene già considerata coperta da quelli presenti a Francavilla di Sicilia e Giardini Naxos e perché il numero dei potenziali assistiti non fa scattare la nomina di un nuovo medico pediatra. Credo che sia giusto garantire a tutti i servizi sanitari territoriali, proprio a partire dal pediatra di base». Nel maggio scorso il sindaco di Cesarò ha anche scritto una lettera al presidente della Regione Nello Musumeci, «ma da allora - conclude Costantino - la situazione è rimasta immutata».

“E’ incredibile che si possa derogare al diritto alla salute che deve essere garantito anche in zone problematiche e disagiate come quelle delle cittadine che ricadono nell’entroterra del Messinese o in zone montane -  dice Elvira Amata, capo gruppo di Fratelli d’Italia all’Ars – ho già chiesto alla presidente della Commissione Sanità Margherita La Rocca Ruvolo di convocare in audizione Valentina Costantino, sindaco di San Teodoro,  Salvatore Calì, sindaco di Cesarò,  Giuseppe Patorniti, sindaco di Santa Domenica Vittoria, Nino Panebianco, sindaco di Malvagna, Bruno Pennisi, sindaco di Moio Alcantara, e Giuseppe Sparta, sindaco di Roccella Valdemone, ma anche i vertici dell’Asp di Messina e i massimi dirigenti dell’assessorato alla salute, alla presenza dell’assessore Ruggero Razza”.

La questione va avanti e resta aperta ormai da troppi mesi. “Non è ammissibile – aggiunge Amata – che non si dia riscontro concreto alle segnalazioni dei sindaci, ai quali la mia personale solidarietà, che sono le sentinelle nei nostri territori e nelle nostre comunità. E’ un problema che va risolto a tutti i costi, non si può pensare di far muovere le famiglie e i bambini che vivono in aree interne disagiate, per lo più montane e agricole, per diversi chilometri. La medicina territoriale, come il pediatra di base, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, va garantita a tutti”, sottolinea Amata. L’Asp di Messina, secondo quanto segnalato dal sindaco di Cesarò Salvatore Calì, che ha scritto lo scorso maggio anche al presidente della Regione Nello Musumeci, ha informato che non è previsto l’arrivo di un sostituto pediatra perché la zona viene già considerata coperta da quelli presenti a Francavilla di Sicilia e Giardini Naxos e perché il numero dei potenziali assistiti non fa scattare l’assegnazione automatica di un nuovo medico pediatra per la zona in questione. “Credo che ci voglia buon senso in questi casi – conclude Amata – non si può avere un atteggiamento cristallizzato dalla burocrazia. Confido nella opportunità di una deroga sulla nomina del pediatra e sono certa che l’assessore Razza saprà interpretare i sentimenti di preoccupazione che manifestiamo con i sindaci”.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook