Sabato, 24 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Carcere di Messina, trovati smartphone, auricolari e lame di seghetto
POLIZIA PENITENZIARIA

Carcere di Messina, trovati smartphone, auricolari e lame di seghetto

La richiesta di Antonio Solano, Coordinatore regionale della Sicilia del Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria Sinappe: “Le carceri devono essere tutte schermate

Ennesimo allarme per le carceri della Sicilia e ancora una volta i problemi sono legati all’uso e possesso di telefoni cellulari.
Al carcere di Gazzi a Messina, il personale della polizia penitenziaria, nell’attività di controllo e verifica del perimetro interno ed esterno dell’istituto, hanno rinvenuto un tubo contenente 3 smartphone e due micro telefonini con sei caricabatterie 3 auricolari e 14 lame di seghetto.

A darne notizia Antonio Solano, Coordinatore regionale della Sicilia del Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria Sinappe: “Le carceri devono essere tutte schermate all’uso di telefoni cellulari e qualsiasi altro apparato tecnologico che possa produrre comunicazioni. Grazie alla professionalità della polizia penitenziaria si riescono ad arginare i tentativi della criminalità, a tutela della legalità, interrompendo un traffico illecito tra l’esterno e l’interno del penitenziario”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook