Giovedì, 24 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La donazione del midollo e degli organi: cresce il consenso tra i giovani
IL DIBATTITO

La donazione del midollo e degli organi: cresce il consenso tra i giovani

di
Le nuove generazioni sono sempre più sensibilizzate: si va dall'’86,4% nella fascia di età fra i 18 e i 29 anni al 63,25% dopo i 60 anni. La conferenza web è stata organizzata dai Club Leo e Lions di Barcellona Pozzo di Gotto e Messina Ionio

I giovani nella fascia di età fra i 18 e i 29 anni sono la parte di popolazione più favorevole alla donazione: i consensi al momento dell’emissione della carta d’identità elettronica si attestano all’86,4%. Un valore che cala con l’avanzare dell’età passando dall’85,5% per i soggetti tra 30 e 44 anni, all’80% per quelli tra i 45 e 59, fino a calare drasticamente al 63,25% dopo i 60 anni. Segno questo che il lavoro con le giovani generazioni sta pagando ed è decisivo, poiché sono proprio loro a portare il dibattito sulla questione all’interno delle famiglie, amplificando potenzialmente il valore sulla cultura della donazione. A dichiararlo il prof. Bruno Gridelli, direttore dell’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione di Palermo, considerato uno dei massimi esperti del settore, soprattutto per quanto riguarda il trapianto di fegato e rene (anche nei bambini), oltre a quello di cuore e polmone.

Lo specialista è stato uno dei relatori di eccellenza della due giorni “web” sul tema “La donazione del Midollo e degli Organi: connubio tra Scienza, Fede e Diritto”, organizzata dai Club Leo e Lions di Barcellona Pozzo di Gotto e Messina Ionio con il patrocinio del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, l’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana, il Consiglio nazionale forense, l’Ismett di Palermo, la Fondazione Policlinico Universitario “Agostino Gemelli IRCSS” Università cattolica del Sacro Cuore, l’Admo, l’Aido, l’Avis, la Croce Rossa Italiana, il Comando Militare Esercito Sicilia, il Comune e la Città Metropolitana di Messina e il Comune di Barcellona P.G, l’Università degli Studi e l’Azienda ospedaliera Policlinico “G. Martino”, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, l’Ordine professionale dei Medici di Messina, l’associazione “Donare è Vita Onlus e il contributo della Lilt e del Liceo paritario “Empedocle”.

Un importante focus multidisciplinare che ha acceso i riflettori su una questione che richiede ancora maggiore sensibilizzazione, come hanno ribadito i presidenti dei Club Leo di Barcellona e Messina, Domenico Levita e Alessandro Giuffrida e quelli dei Club Lions padrini di Messina Ionio e Barcellona Maria Francesca Scilio e Antonino Levita, sottolineando l’importanza di un dibattito aperto che coinvolga non solo il mondo scientifico e istituzionale, ma anche quello associativo che in questi anni ha dato un contributo fondamentale in Italia, che è uno dei Paesi del mondo con il tasso di donazione più alto, sebbene ancora ci sia un gap fra nord e sud non solo in termini di trapianto e prelievo, ma soprattutto rispetto alle opposizioni in rianimazione. I relatori intervenuti, fra i quali il direttore generale del Centro nazionale trapianti dell’Istituto superiore di Sanità Massimo Cardillo, il comandante del 31mo Stormo di Ciampino dell’Aeronautica Militare colonnello Stefano Marra e l’arcivescovo di Gorizia Carlo Roberto Maria Redaelli, presidente della Commissione Salute della Cei, hanno parlato valore del volontariato del dono - una scelta etica fondamentale - suggellato vent’anni fa dalla legge 91, che gli riconosce la “primogenitura” e un ruolo da protagonista nel lavoro di promozione e comunicazione della Rete trapiantologica nazionale; è importante dunque accrescere la fiducia dei cittadini nei confronti del Servizio sanitario nazionale anche nelle Regioni dove la sanità pubblica incontra maggiore difficoltà. Al webinar, aperto dal saluto delle autorità regionali e locali, con una rappresentanza della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome, sono intervenute anche la coordinatrice e la responsabile dell’Area Salute del Distretto Leo 108 Yb - Sicilia, Federica Spadaro e Venerina Trassari. Le conclusioni dei lavori sono state affidate alle autorità Lionistiche, fra le quali l’avvocato Mariella Sciammetta, Governatore del Distretto Lions 108 Yb - Sicilia, Gloria Caristia, presidente del distretto Leo 180 Yb - Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook